Samuel, Milito e Cambiasso: quale futuro per gli eroi del Triplete?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

In attesa di capire come si svilupperanno le trattative in entrata, la società nerazzurra ha già dettato le prime direttive per rinforzare una squadra che si appresta ad intraprendere un nuovo ciclo e che sarà orfana dei suoi uomini simbolo. Proprio il futuro degli argentini reduci del Triplete rappresenta l’altra faccia dell’estate interista.

Dopo l’ultimo abbraccio regalato ai tifosi in occasione della sfida giocata al “Bentegodi” contro il Chievo, per Samuel, Cambiasso e Milito è tempo di guardare avanti e cercare una sistemazione, per vivere l’ultima tappa di una splendida carriera. Sul futuro del difensore ex Roma e Real Madrid ci sono ancora tante incognite: “Per adesso non ci sono novità – ha spiegato ai microfoni di ‘TuttoMercatoWeb’ –. Aspetto di tornare dalle vacanze per valutare quali sono le possibilità. Fiorentina? C’era stato qualcosa gennaio, poi non li ho più sentiti”.

Per quanto riguarda il Cuchu, crescono le voci sull’interessamento dell’Atletico Madrid di Simeone, reduce da una stagione strepitosa alla guida dei Colchoneros. Il Cholo ha individuato nel connazionale l’uomo giusto per garantire solidità ed esperienza al suo centrocampo e starebbe cercando di convincerlo a tornare a Madrid, questa volta sulla sponda opposta della città. I neo campioni di Spagna sono pronti anche a sfidare la concorrenza del River Plate che ha già manifestato la volontà di riportarlo in patria.

Il Principe, invece, è destinato ormai al Racing Avellaneda e attende solo l’ufficialità per tornare in quella terra in cui cresciuto a alla quale vuole restituire gli ultimi gol di una carriera da vincente.

Antonio Simone

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook