Thohir: “Abbiamo una base solida, ma ci serve un mediano forte. Top player? Al momento…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

In un’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, arrivano altre importanti dichiarazioni di Erick Thohir:

Partiamo da Mazzarri: non si discute?

“Mazzarri è uno che lavora duro, giorno e notte. Pensa sempre a un percorso di crescita con i giocatori. Anche a Napoli è stato così, ma ha avuto quattro anni per farlo”.

Cosa pensa della sua Inter?

“Che è messa bene in campo, che le posizioni dei giocatori sono giuste, ma che segna poco e manca di velocità in contropiede. Dovremo lavorare su questo, ma non è giusto che io gli chieda già degli obiettivi senza sapere che mercato faremo”.

Che tipo di acquisti servono?

“Intanto abbiamo una base solida. Icardi, che crescerà, e Palacio in attacco. Hernanes e Kovacic a centrocampo. Handanovic, Vidic e Juan Jesus in difesa. La prima cosa di cui abbiamo bisogno è un centrocampista difensivo forte, uno alla Davids, alla Gattuso: pressing, corsa, agonismo. In difesa dipende da come giocheremo, se a tre o a quattro”.

Per migliorare occorre spendere, ma lei sa che la situazione dell’Inter, relativamente al fair play finanziario almeno, non è delle migliori.

“Lo so bene. Per questo dovrò spendere correttamente: per rispettare i parametri Uefa. Sono le regole. Abbiamo cominciato a farlo, per esempio, con D’Ambrosio: bravo, giovane, italiano. Poi Vidic: è forte, viene dal Manchester e quindi ha grande esperienza, sarà utile anche per il marketing. Ma niente voci di mercato: soltanto annunci ufficiali, quando una cosa è fatta, come per Hernanes”.

Che cosa pensa del fair play finanziario?

“Sinceramente preferisco il modello americano, è più sostenibile. Salary cap e luxury tax sono più utili e ridistribuiscono risorse. Capisco City e Psg, capisco il loro business plan, ma qui non è questione di giusto o sbagliato quanto di regole, e preferisco il modello della Roma di Pallotta, del Liverpool, dell’Arsenal”.

Come si guadagna di più?

“Sto insistendo con la Lega: partite il sabato pomeriggio, così che siano trasmesse in Asia la sera, in prime time , e negli Usa la mattina, senza concorrenza. E poi amichevoli e tournée”.

Sei mesi di Inter: sono stati come se li aspettava?

“Qualcosa mi ha sorpreso, qualcosa no. So che devo lavorare duro, essere concentrato e trovare soluzioni, senza maledire qualcosa o qualcuno: se la situazione non ti piace, non venire, e invece io volevo venire in Italia. Ho bisogno di aiuto dalla Lega, dal mercato asiatico, dal mio management, da Moratti”.

Come è il rapporto con Moratti?

“Ottimo, se vuole gli telefoniamo… (ride, ndr). Parliamo spesso, lo consulto su tante questioni, ho bisogno dei suoi input . È importante il rapporto: lui è più sentimentale, io più razionale perché ancora meno coinvolto. Non siamo sempre d’accordo su tutto, siamo diversi per radici e cultura, ma assieme troviamo soluzioni”.

Quali giocatori le piacciono?

“Parliamo di modelli del passato. Davids e Gattuso, lottatori, a centrocampo. Samuel, Cordoba e Chivu in difesa. In attacco ci sono quelli potenti come Vieri, quelli veloci come Ronaldo, quelli d’area come Rossi”.

E nel presente?

“Premesso che oggi non possiamo permetterci top player, ma domani spero di sì, gente come Busquets, Luiz Gustavo e Dzeko mi piace”.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook