Nell'Inter tutti sotto esame, ecco la lista di chi rischia l'addio

Nell’Inter tutti sotto esame, ecco la lista di chi rischia l’addio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sono tutti sotto esame, dall’allenatore allo staff, fino ai giocatori”. Parole del presidente dell’Inter Erick Thohir che fanno riflettere ma sono più che comprensibili: per programmare un grande futuro vincente c’è bisogno di rinnovamento economico, tecnico e di forze in campo, che si sposino al meglio e combacino perfettamente con le idee del club. come riporta oggi la Gazzetta dello Sport, ci saranno grandi novità a giugno, con tante cessioni, qualche riscatto e poche riconferme che dipenderanno da quanto palesato in questa stagione. Il noto quotidiano sportivo ha stilato una lista dei giocatori nerazzurri, dividendoli in base a quale, per ora, sarà il loro futuro.

Si inizia con i riconfermati: tra questi Andreolli, Botta, Campagnaro, Carrizo, Hernanes, D’Ambrosio, Juan Jesus, Jonathan, Kovacic, Nagatomo, Palacio, Taider e Vidic, acquistato qualche settimana fa e che arriverà a Milano solo a giugno.

Poi, i quattro fuoriclasse sul quale girerà il mercato: Handanovic, Icardi, Alvarez e Guarin, gli unici sacrificabili in caso di acquisto di lusso.

Seguono gli incerti, per motivi di varia natura: Cambiasso, Ranocchia, Rolando e Kuzmanovic. Per il primo, l’età avanzata, il secondo per scelta tecnica e Rolando per i problemi legati al riscatto con il Porto.

Chi saluterà quasi sicuramente sono i veterani il capitano Zanetti, Castellazzi, Milito, Samuel, Mudingayi insieme ai più giovani Mariga e Wallace.

Infine, i sei rientranti dai prestiti: si tratta del portiere Bardi, Belfodil, Benassi, Duncan, Mbaye ed Obi, tutti giovani che potrebbero fare davvero al caso dell’Inter del futuro.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy