Crollo italiano in Champions: crisi e sceicchi non aiutano, ma c’è un’eccezione che deve servire da modello

Borussia Dortmund Supercoppa Germania
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’uscita del Milan dalla Champions League è una mazzata per il Ranking Uefa dell’Italia. L’ultima assenza di squadre italiane dalla top 8 risale alla stagione 2008/2009, quando già la nostra posizione in quella speciale classifica stava crollando. La stagione successiva, fu l’Inter del Triplete a risollevare in parte le sorti del calcio italiano a livello internazionale, ma fondamentalmente sono dieci anni che stiamo perdendo terreno rispetto Germania, Inghilterra e Spagna.

Dalla stagione successiva alla vittoria interista di Madrid, il gap con gli altri campionati europei è terribilmente aumentato e, a meno di un colpo di coda nell’annata in corso, grazie a un aiuto dalle tre squadre in corsa in Europa League, la forbice rischia di allargarsi ulteriormente. Questo trend negativo è difficile da invertire, soprattutto se si guarda ai ricavi faraonici di squadre come Bayern Monaco, Barcellona e Real Madrid, oltre all’infinita liquidità a disposizione di Paris Saint-Germain, Manchester City e Chelsea.

Tuttavia, guardando bene in giro per l’Europa, c’è chi riesce a inserirsi tra le regine del calcio internazionale senza follie economiche. Un esempio lampante e nitido è quello del Borussia Dortmund, capace di mettere paura alla corazzata bavarese e di eliminare il Real Madrid in semifinale nella scorsa Champions. I gialloneri, con un budget ridotto e non certo all’altezza dei top club sopracitati, hanno saputo costruire con pazienza una squadra in grado di affrontare le big d’Europa.

Il progetto tecnico affidato a Jurgen Klopp è stato costruito senza spese folli: basti pensare che dal 2008, anno dell’arrivo in panchina del tecnico tedesco, alla finale di Wembley (2013), il bilancio entrate/uscite per il calciomercato registrava un avanzo di circa 3 milioni. La valorizzazione dei giocatori che transitano per Dortmund e le cessioni pesanti fatte in alcune stagioni sono gli elementi chiave della strategia sportiva che ha permesso al club di non indebitarsi e raggiungere i massimi livelli internazionali.

L’esperienza dei gialloneri racconta che con un po’ di inventiva e con un progetto solido si può puntare a stare in alto, restandoci per più di una stagione. Perchè si inizino a vedere i frutti, però, c’è bisogno di tempo e soprattutto di una guida tecnica in grado di saper valorizzare i giocatori a disposizione. Con la speranza che tutto vada nel verso giusto il prima possibile: un piccolo passo falso può far perdere molto tempo nella strada della risalita.