D’Ambrosio si candida per una maglia da titolare. Contro il Sassuolo…

D'Ambrosio Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Soprattutto nei primi mesi di questa altalenante stagione, la forza dell’Inter di Walter Mazzarri è stata anche la capacità di affondare il colpo sulle fasce laterali. Infatti, in più circostanze, Nagatomo da una parte e Jonathan dall’altra, sono stati fondamentali per offrire una soluzione valida in fase offensiva. Spesso, proprio i due esterni sono stati protagonisti di diversi gol e assist che hanno permesso alla squadra di racimolare punti importanti fino a novembre. Poi, per una serie di circostanze, la compagine nerazzurra ha cominciato a girare a vuoto, forse anche per il calo di rendimento di Nagatomo e, soprattutto, Jonathan.

Fino a questo momento però, le prestazioni sottotono di Alvaro Pereira (spedito al San Paolo), Wallace e Zanetti non hanno permesso a Mazzarri di dare respiro al giapponese e al brasiliano. In quest’ottica, il mercato di riparazione appena conclusosi, ha regalato all’allenatore toscano un’alternativa importante per entrambe le fasce. Per una cifra vicina ai 2 milioni di euro (tra parte cash e contropartite), è sbarcato a Milano Danilo D’Ambrosio, esterno di piede destro ma capace di occupare entrambe le fasce.

Il venticinquenne napoletano ha ben impressionato in quest’anno e mezzo di Serie A con la maglia del Torino, con cui ha collezionato 43 presenze condite da 4 gol. Viste le sue prestazioni, diversi club italiani si erano esposti per assicurarselo, ma D’Ambrosio ha scelto di sposare la causa nerazzurra, con Mazzarri che certamente gli darà diverse chance per mettersi in luce anche in vista del Mondiale della prossima estate.

Dopo l’esordio nella triste trasferta dello scorso turno allo Juventus Stadium, domenica sera contro il Sassuolo l’ex granata potrebbe essere gettato nella mischia dal primo minuto. Il candidato numero uno a lasciargli spazio pare possa essere Jonathan, che nelle ultime settimane è sembrato a corto di benzina dopo alcuni mesi in cui si era espresso su buoni livelli.