Ruben Botta, uno spiraglio di luce nel buio più totale: l'ex Tigre merita più spazio

Ruben Botta, uno spiraglio di luce nel buio più totale: l’ex Tigre merita più spazio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nell’oscurità totale calata sull’Inter in questo inizio di 2014, ad accendere una flebile speranza verso un futuro più roseo sono i giovani talenti della rosa nerazzurra che non hanno ancora avuto modo di esprimere tutte le loro qualità: un potenziale preziosissimo per il progetto di rinascita di una squadra in caduta libera e in continuo ridimensionamento.

Nella disfatta dello Juventus Stadium gli unici sprazzi di luce sono arrivati da Ruben Botta, argentino classe ’90 tesserato ufficialmente a gennaio dopo essere stato “parcheggiato” per sei mesi a Livorno. In una serata in cui Alvarez ha confermato di aver perso lo smalto di inizio stagione, non riuscendo mai a saltare l’uomo o a rendersi pericoloso con assist e conclusioni, il trequartista ex Tigre, entrato in campo al 66’, ha avuto modo di mettersi in mostra conferendo vivacità e imprevedibilità alla manovra e guidando la sua squadra nella reazione d’orgoglio dopo l’illusorio gol di Rolando.

Mazzarri continua a gestirlo con il contagocce, ribadendo che non ha i 90 minuti nelle gambe, ma il 24enne di San Juan meriterebbe più spazio, considerando anche la sterilità del reparto avanzato, la momentanea assenza di Guarin e lo stato di forma non ottimale di Alvarez e Palacio, bisognosi di un contributo più consistente da parte del resto della squadra. Nelle ultime uscite, infatti, la fase offensiva dell’Inter è risultata lenta e prevedible e un innesto di qualità potrebbe essere manna dal cielo per l’undici nerazzurro.

Se, come ha detto più volte il tecnico toscno, questo è davvero un anno di valutazioni per capire chi potrà fare parte dell’Inter del futuro, sarebbe bene abbandonare le sgretolate certezze dei senatori e rischiare qualcosa in più, garantendo fiducia e continuità al nuovo che avanza. Il gioco vale la candela e i nerazzurri hanno, ormai, poco da perdere.

 

Antonio Simone

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy