Alvarez punto fermo del nuovo corso. Per l’ex Velez pronto un rinnovo fino al 2018

Ricky Alvarez
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tra le tante incognite che riguardano il futuro della rosa nerazzurra, inizia a farsi spazio anche qualche certezza. La più importante, forse, è la crescita di Ricky Alvarez, che ha raggiunto un livello di maturità inaspettato: il fantasista argentino, nell’ultima fase della gestione Stramaccioni e con l’inizio dell’era Mazzarri, ha saputo rendersi sempre più utile alla causa nerazzurra con giocate decisive ai fini del risultato e i quattro gol totalizzati in questa prima metà di campionato, a cui vanno aggiunti sette assist vincenti (numeri che ne fanno il terzo marcatore ed il miglior assist-man della squadra), ne sono la testimonianza.

Prestazioni di questo tipo non sono passate di certo inosservate ai dirigenti di corso Vittorio Emanuele che, per “premiare” il giocatore e scongiurare possibili assalti da parte di altre grandi squadre europee (recentemente si è parlato di sondaggi di Bayern Monaco e Manchester United – ndr), sono pronti a prolungargli il contratto (in scadenza nel 2016) fino al giugno del 2018, con tanto di adeguamento dell’ingaggio.

Il primo summit con il suo agente Marcelo Simonian è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle ore 18 all’Hotel Principe di Savoia; in molti hanno pensato che dietro a quest’incontro potesse esserci un possibile interesse della società per Javier Pastore, ma ufficialmente sono solo state messe le basi per il rinnovo del numero undici nerazzurro.

Ora che l’ex Velez è riuscito a scrollarsi di dosso l’etichetta di “oggetto misterioso”, cercherà di diventare sempre più uno dei punti fermi del nuovo corso, vestendo anche i panni del leader in questo momento di difficoltà della squadra, condizionata dai rumors di mercato e vittima di un’involuzione tecnico-tattica che ha portato a risultati non in linea con il blasone del club.