L’affare Vucinic-Guarin sarà il quarto intreccio di mercato della storia di Inter e Juve

Palacio Guarin Udinese-Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Non si fa che parlare d’altro: la trattativa che porterà Vucinic in nerazzurro e Guarin in bianconero è ormai in dirittura d’arrivo. In attesa dell’ufficialità, il Corriere dello Sport ripercorre le operazioni di mercato nella storia dei due club: ben quattro volte il mercato nerazzurro e quello bianconero si sono intrecciati, non sempre con risultati entusiasmanti. I precedenti sono stati Boninsegna alla Juve e Anastasi all’Inter nell’estate 1976, Serena a Torino e Tardelli a Milano nel 1985, Cannavaro in bianconero e Carini in nerazzurro nel 2004. Ne ha quasi sempre guadagnato poco la Juve, con pedine di qualità e spessore che poi hanno fatto la differenza nella storia del club.

Più frequenti invece i passaggi a parametro zero o tramite il pagamento dell’intero cartellino. Dall’Inter alla Juve sono passati Sarti nel 1968, Altobelli, Cristiano Zanetti e Lucio, mentre in nerazzurro approdarono De Agostini, Schillaci, Peruzzi e la coppia d’oro Ibrahimovic-Vieira nel 2006. Discorso a parte per gli allenatori, tra tutti con l’ex juventino Lippi che fallì all’Inter e tornò a trionfare in bianconero. Un episodio singolare quello del 1991 quando il club di Agnelli richiamò Trapattoni reduce da 5 anni nerazzurri, cedendo in prestito per un anno Dino Baggio. Lo scambio attuale però, sembra tutta un’altra storia.