Verso Genoa-Inter: Mazzarri si aggrappa a Palacio, ma il Principe scalpita

Walter Mazzarri rifinitura Meazza
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Prosegue la caccia dell’Inter alla prima vittoria del 2014. Dopo la sconfitta rimediata all’Olimpico e il mezzo passo falso casalingo contro il Chievo, i nerazzurri saranno impegnati a Marassi contro il Genoa dell’ex Gian Piero Gasperini. Contro i rossoblu Mazzarri insegue un successo che lontano dal “Meazza” manca ormai da due mesi e mezzo (Udinese-Inter del 3 novembre 2013, ndr).

Per provare a spezzare l’incantesimo, il tecnico toscano si affiderà al 3-4-2-1 sperimentato nell’ultimo turno di campionato. Davanti ad Handanovic, confermata la solita linea a tre guidata da Rolando, che vince il ballottaggio con Ranocchia, destinato a sedersi in panchina insieme a Samuel e Andreolli. Il centrale portoghese sarà affiancato da Campagnaro sul centro-destra e da Juan Jesus sul centro-sinistra.

Qualche dubbio a centrocampo dove Kuzmanovic dovrebbe avere la meglio su Taider per fare coppia con Cambiasso; sugli esterni scelte obbligate con Jonathan e Nagatomo chiamati agli straordinari vista l’assenza di valide alternative. Ennesima panchina invece per Mateo Kovacic, che sulla trequarti lascerà spazio a Ricky Alvarez e al rientrante Fredy Guarin, che ha scontato il turno di squalifica inflittogli dal giudice sportivo e dovrebbe tornare titolare nonostante le insistenti voci di mercato sul suo conto.

Ancora una volta il peso dell’attacco nerazzurro sarà tutto sulle spalle di Rodrigo Palacio, pronto a castigare la sua ex squadra per regalare a Mazzarri i primi tre punti del nuovo anno. Non sono da escludere, però, sorprese dell’ultimo minuto con il possibile inserimento di Diego Milito al posto di uno tra Alvarez e Guarin e il conseguente arretramento del Trenza sulla trequarti.

In panchina, considerate le esclusioni di Belfodil e Icardi, l’allenatore di San Vincenzo si porterà il neo acquisto Ruben Botta, le cui quotazioni sono in netta ascesa dopo le buone prove offerte conto Udinese e Chievo.

 

Alessandro Suardelli

(Twitter: @AleSuardelli)