Il dilemma del mercato nerazzurro: investire subito per la rimonta o aspettare e risanare il bilancio

Il dilemma del mercato nerazzurro: investire subito per la rimonta o aspettare e risanare il bilancio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

E’ tempo di mercato ma anche di scelte e di strategie. Lo sa bene l’Inter che, dopo la deludente sconfitta ieri contro la Lazio, è costretta a pianificare il futuro non troppo prossimo in chiave acquisti e cessioni. Come scrive oggi il Corriere dello Sport, nel caso l’obiettivo non possa essere almeno il terzo posto, sarebbe fortemente azzardato gravare ancora pesantemente sui bilanci già in rosso della società non riuscendo poi comunque a colmare il gap con le avversarie. Ecco che entra in gioco il presidente Thohir e la strategia: decidere se temporeggiare ora in chiave mercato o fare cassa con qualche cessione di lusso così come si era deciso, in modo da rinforzare la rosa e migliorarsi in classifica pur non avendo certezze in merito.

Mazzarri un paio di rinforzi li accoglierebbe volentieri a partire da Osvaldo, nome che sta tornando caldo nonostante le smentite del diesse Ausilio, così come la pista D’Ambrosio che resta molto concreta. Sull’esterno del Torino ieri è arrivata la confessione del diesse granata Petrachi a Sky: «Qualche squadra si è fatta avanti ufficialmente, ma non è corretto dire chi. Diciamo che è una delle milanesi… Stiamo cercando di capire se c’è qualcosa di vantaggioso per noi e cercheremo nei limiti del possibile di accontentare il ragazzo, se lui vorrà andare via». Il forte giocatore avrebbe trovato l’accordo con il club nerazzurro fino al 2017, con un ingaggio di 1,3 milioni a stagione più bonus e spera di raggiungere Milano subito, non a giugno.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy