Mazzarri: “Partita decisa da un episodio. Difficile trovare spazi, ma gli errori arbitrali…”

Walter Mazzarri
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il 2014 dell’Inter comincia nel peggior modo possibile, ovvero con una sconfitta. Infatti, allo stadio Olimpico di Roma i nerazzurri vengono battuti per 1-0 dalla Lazio che conquista i tre punti grazie ad un gran gol di Klose nei minuti finali. Partita persa meritatamente dalla squadra di Walter Mazzarri, incapace per tutto il corso dei 90′ di rendersi pericolosa dalle parti di un inoperoso Berisha.

L’allenatore toscano, a margine del match, ha commentato così la sconfitta ai microfoni di Sky: “È stata una partita difficile, la Lazio ha mantenuto un atteggiamento molto compatto con un 4-5-1 molto basso. Tre punti decisi da un’episodio. Abbiamo sbagliato spesso l’ultimo passaggio senza trovare la porta. Comunque anche oggi, dal punto di vista arbitrale, siamo stati sfortunati. Dias andava espulso per somma di ammonizioni e su Rolando c’era un rigore importante. Partita comunque equilibrata, ma siamo stati ingenui sul gol di Klose”.

Alvarez e Guarin si sono visti un po’ sottotono: “Si, sono stati un po’ meno brillanti del solito, ma era difficile trovare spazi perché la Lazio è una signora squadra”.

In studio scoppia una piccola diatriba con Massimo Mauro, il quale spinge Mazzarri a non attaccarsi solo agli errori arbitrali: Non mi attacco all’arbitraggio, ho detto che è stata una partita equilibrata decisa da un gran gol. Ma se Alvarez a Napoli ha preso due gialli discutibili, non capisco perché Dias non sia stato trattato allo stesso modo. Ad ogni modo, rispetto al derby qualche nostro giocatore è stato meno lucido. Per ora sto optando per scelte più prudenti con un centrocampista in più. Tendo a mettere i giocatori di qualità nella seconda parte come contro il Milan quando è andata bene. Oggi invece abbiamo creato solo l’occasione di Nagatomo”.

Si passa poi a parlare di mercato:Siamo un cantiere aperto. Le cose che penso le dico alla società e i dirigenti faranno il possibile per accontentarmi”.