Verso Napoli-Inter: ballottaggio Ranocchia-Rolando per la difesa

Andrea Ranocchia allenamento
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Tre pareggi consecutivi non sono certo un ottimo biglietto da visita con cui presentarsi in casa del Napoli, nella gabbia di un leone ferito uscito fra lacrime e applausi dalla Champions League e che si appresta a rituffarsi a pieno regime nel clima rovente del campionato.

Nella bolgia del San Paolo, Mazzarri dovrà necessariamente fare i conti con una difesa particolarmente vulnerabile e valutare con attenzione la situazione di Ranocchia, poco convincente contro il Parma e incalzato da uno scalpitante Rolando alla ricerca di un posto da titolare al centro della difesa. Il tecnico toscano sta lanciando segnali psicologici al giocatore della nostra Nazionale, nella speranza che una sana competizione possa stimolarlo a far meglio. Il numero 23 nerazzurro, fino a questo momento, non ha ripagato del tutto la fiducia concessagli dal suo allenatore, penalizzato da una squadra che sembra aver momentaneamente perso equilibrio e brillantezza. Contro Bologna, Sampdoria e Parma, infatti, la retroguardia interista è stata elusa ben cinque volte, concedendo ampi spazi alla manovra dei modesti avversari.

In vista non solo del match contro i partenopei, ma anche del derby contro il Milan, si delineano, quindi, due alternative riguardo lo schieramento del reparto difensivo. Se le difficoltà delle ultime partite verranno attribuite ai troppi cambiamenti nei tre uomini dietro, Mazzarri potrebbe dare continuità al trio Campagnaro-Ranocchia-Juan Jesus che tanto bene aveva fatto ad inizio stagione e che deve ritrovare quell’intesa e quei meccanismi andati persi a causa dei vari problemi fisici.

Se, invece, il tecnico di San Vincenzo dovesse tener presente lo stato di forma dei propri uomini, potrebbe difficilmente rinunciare all’ottimo Rolando che, nell’ultimo mese, si è dimostrato tra i più affidabili del reparto e che freme per lanciare il guanto di sfida proprio alla sua ex squadra, tappa non troppo esaltante della propria carriera.

 

Antonio Simone