Thohir, progetto affascinante ma insidioso: per tornare competitivi in tempi brevi…

Erick Thohir
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’Inter si presenta al prossimo mercato invernale con la speranza di colmare le lacune palesate finora dalla rosa di Walter Mazzarri, che continua a lanciare chiari messaggi alla società sostenendo che gli obiettivi stagionali dipenderanno dalla qualità dei rinforzi in arrivo a gennaio. Per quanto riguarda la vera e propria “rivoluzione”, invece, bisognerà attendere il prossimo giugno, anche se un’eventuale mancata qualificazione alla Champions League potrebbe condizionare non poco i piani della nuova dirigenza.

La cosa che, però, lascia maggiormente perplessi i tifosi della Beneamata è la strategia con cui la società nerazzurra, attanagliata dalla necessità di conciliare l’abbattimento dei costi e il desiderio di tornare nell’élite del calcio europeo, proverà a rilanciare le proprie ambizioni. Il tycoon indonesiano, infatti, sembra avere imposto come diktat quello di non puntare su campioni già affermati – soprattutto se le loro valutazioni dovessero rilevarsi spropositate -, prediligendo il lancio dei maggiori giovani talenti del panorama calcistico mondiale e la possibilità di sfruttare la propria cantera per crescere nuovi campioni o registrare plusvalenze vitali per l’autofinanziamento del club.

Un progetto sicuramente ammirevole e affascinante, ma che rischia di scontrasi con la volontà di tornare a essere competitivi in tempi brevi, per centrare la finale di Champions League del 2016, che si dispuetrà proprio a San Siro. I buoni esempi non mancano, basti pensare al Borussia Dortmund che, dopo anni di anonimato, è riuscito a costruire una squadra capace di insidiare il dominio del Bayern Monaco, sia in Germania che in Europa.  La speranza, ovviamente, è quella di riuscire a ripeterne le gesta ma, oltre a una buona dose di fortuna, servirà una pianificazione pressochè perfetta.