Livaja insoddisfatto: il giovane attaccante croato potrebbe lasciare l’Atalanta a gennaio

Marko Livaja Atalanta
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Si fa sempre più incerto il futuro di Marko Livaja, trasferitosi all’Atalanta in comproprietà lo scorso gennaio (nell’ambito dell’affare Schelotto) con l’intento di farsi le ossa in provincia per poi tornare a Milano a giocarsi le sue carte. La punta croata, però, non è ancora riuscita a entrare nelle grazie del suo attuale tecnico Stefano Colantuono, che in ben sei occasioni (ovvero la metà delle presenze collezionate dal ragazzo di Spalato) gli ha concesso di entrare solamente a partita in corso, preferendo puntare inizialmente sul funambolico Maxi Moralez.

Stando alle indiscrezioni circolate negli ultimi giorni, l’Inter sta studiando attentamente la situazione e vuole evitare che una permanenza del croato a Bergamo possa minarne il processo di crescita: per questo non è da escludere che a gennaio le due società detentrici del cartellino possano accordarsi per mandarlo a maturare esperienza altrove.

Su Livaja, infatti, hanno messo gli occhi parecchi club, pronti a contenderselo in vista della seconda parte di stagione, su tutte il Genoa e il Catania. Il club ligure lo vorrebbe per puntellare l’attacco di Gasperini che, dopo il recente infortunio di Kucka (impiegato spesso nel ruolo di laterale d’attacco e costretto a fermarsi fino a fine stagione per un problema al ginocchio) sta facendo pressioni su Preziosi per avere un altro giocatore in grado di agire anche sull’esterno; i rossazzurri, invece, potrebbero fare leva sulla presenza nella propria Primavera del fratello Mirko e avrebbero chiesto all’Inter di averlo in prestito insieme a Gaby Mudingayi, per rendere più competitivo l’organico a disposizione di De Canio, sempre più fanalino di coda della massima serie.

Sul giocatore c’è anche il Torino, ma non sono da trascurare le piste estere che lo porterebbero in Germania all’Herta Berlino o all’Eintracht Francoforte. L’Atalanta, infatti, vorrebbe evitare di rinforzare una diretta concorrente in ottica “corsa salvezza”.