“Ricordate questo nome: Mateo Kovacic”

Mateo Kovacic
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo la vittoria contro l’Islanda, decisiva per la qualificazione della Croazia al mondiale brasiliano, Mario Mandzukic incoronò via facebook un suo giovane compagno di squadra: “Zapamtite ovog igrača: Mateo Kovačić”.

Ricordatevi di questo giocatore: Mateo Kovacic.

Al termine di Bologna-Inter, sollecitato in sala stampa sul limitato utilizzo del talento croato a dispetto delle sue ottime prestazioni in nazionale, Mazzarri replicò stizzito: “Kovacic gioca bene in nazionale perchè affronta giocatori della sua età”.

Un semplice ragionamento deduttivo ci porta a concludere che il tecnico di San Vincenzo non abbia ancora cliccato “mi piace” sulla pagina fan del centravanti del Bayern Monaco e che, cosa più grave, ignori completamente lo status internazionale di un proprio calciatore.

Che Kovacic sia, insieme ad Alvarez, il centrocampista più talentuoso della rosa dell’Inter è un dato oggettivo, che anche Massimo Mauro confermerebbe.

Ebbene, in tre mesi di stagione, in un Inter costantemente schierata col 3-6-1 (anche in casa contro Sampdoria, Livorno e Verona), Mateo ha trovato spazio dall’inizio solo in tre occasioni (a Catania, a Bergamo e a Trieste contro il Cagliari, ndr). Il resto è rappresentato da spezzoni di partita in cui è stato impiegato prevalentemente in un ruolo che non è in grado di ricoprire, quello di mezzala.

La questione della posizione in campo è essenziale per tentare di comprendere le ragioni di un ostracismo così palese e di un rendimento così mediocre.

Kovacic è un regista. E’ un giocatore che ha bisogno di stare al centro del gioco, che deve toccare un gran numero di palloni per entrare in ritmo e produrre il suo calcio.

Non ha le capacità fisiche e i tempi di inserimento che si richiedono a una mezzala. D’altronde nessuno si sognerebbe di chiedere a Pirlo o a Verratti di giocare decentrati e di attaccare lo spazio.

Kovacic appartiene a quella categoria. Per sfruttare le sue caratteristiche è necessario costruirgli la squadra attorno, dargli le chiavi del centrocampo e consentirgli di guidare la ciurma.

E qui arriviamo alla collisione con la cultura calcistica di Mazzarri, che non contempla minimamente la possibilità di avvalersi di un regista che mal si concilia col suo calcio sparagnino e speculativo.

Cigarini fu costretto a lasciare Napoli perchè Mazzarri gli preferiva il carneade Pazienza, tanto per chiarire il concetto. E se alle caratteristiche tecniche aggiungiamo la carta d’identità (6 maggio 1994, ndr) la vicenda diventa ancora più complessa; perchè coi giovani si lotta per la salvezza (WM, 2012 ).

In un contesto simile, quindi, Mateo è destinato a far fatica, ma questo non deve indurre la società e i tifosi a ridimensionare il suo valore.

Zapamtite ovog igrača: Mateo Kovačić, un patrimonio dell’Inter.