Amore a distanza: Thohir non si perde la sua prima da presidente

Amore a distanza: in attesa dell’esordio a S.Siro, Thohir non si perde la sua prima da presidente


Erick Thohir Copyright SpazioInterL’amore a distanza è una questione difficile, non può sopravvivere a lungo se i partner coinvolti si comportano come in una normale relazione. Da parte loro serve uno sforzo in più, per cercare di “starsi vicini” nonostante la distanza che li separa. Erick Thohir sembra essere il fidanzato ideale per una relazione del genere: se la sua amata Inter si trova a migliaia di chilometri da Giacarta, dove vive e lavora, e i posticipi vengono trasmessi a notte fonda in Indonesia poco male, lui sta sveglio e guarda la partita. Non solo, trova anche la forza per un commento sul match a gara conclusa, che da noi vuol dire le 10 e mezza passate, da lui quasi le cinque del mattino.

E’ anche su queste cose che si misura la passione di un presidente, forse Moratti, se fosse stato indonesiano (meglio non immaginarselo), avrebbe fatto lo stesso. E’ facile lasciare messaggi d’amore e di incoraggiamento, come quello di “in bocca al lupo” prima della trasferta del Dall’Ara, e poi andarsene a dormire solo un po’ agitati in vista delle notizie che porterà il risveglio. Ma Thohir non è un amante qualunque: l’importanza del suo legame al nerazzurro è forte, così guardarsi la partita dall’inizio alla fine non è un dovere ma un piacere, sebbene ad un’ora un poco scomoda.

Chissà come gli saranno apparse le pazzie di Taider, i soliti errori di Pereira, le lotte col pallone di Guarin, che tanto ci fanno soffrire qui in patria, vissute a chilometri di distanza, dall’Indonesia. Forse in questi casi la lontananza può aiutare a distendere in parte gli animi, a vivere la partita con un po’ meno patimenti. Si dice che di notte i rumori e le emozioni siano più attutiti, ma può essere anche che nel buio della propria camera, in solitudine, il primo tifoso indonesiano nerazzurro soffra ancor di più. Non si sa se anche stavolta l’amico Moratti gli sia stato vicino, sms dopo sms, per dargli un compagno di sofferenze, seppure a distanza.

Di certo Thohir non si è fatto mancare un commento post partita, forse avrà visto le immagini di Moratti che parla il lunedì mattina davanti agli uffici della Saras e si è preso quel momento, alle cinque del mattino (di lunedì appunto), per fare il suo punto personale in una breve intervista a Sky. Per il neo presidente interista “è stata una buona partita, di sicuro sfortunata. La squadra ha sprecato qualche occasione importante e colpito dei pali. Adesso però guardiamo avanti, alla prossima.” 

La prossima partita per lui non sarà una gara come le altre, visto che finalmente farà il suo debutto a San Siro. Tutto è pronto, per Inter-Sampdoria, match per cui Thohir ha chiamato a raccolta tante vecchie glorie nerazzurre. Per una volta il presidente indonesiano non dovrà fare i conti col fuso orario per seguire una partita dell’Inter. Meglio andare a dormire allora e sognare di quando, tra una settimana, potrà tornare dalla sua amata.

 

Copyright © 2015 Cierre Media Srl