Andreolli all'esordio: "Emozione diversa rispetto a 8 anni fa. Seguo sempre Mazzarri e cerco di farmi trovare pronto

Andreolli all’esordio: “Emozione diversa rispetto a 8 anni fa. Seguo sempre Mazzarri e cerco di farmi trovare pronto


Marco Andreolli serata PinzoloIntervistato ai microfoni di Inter Channel nel postpartita di Udinese-Inter, Marco Andreolli ha paragonato la sua prima uscita stagionale con l’esordio di 8 anni fa: “E’ stata un’entrata improvvisa e non ci ho pensato molto – racconta il difensore – ma il primo esordio ero ragazzino ed ero a San Siro, sicuramente un’altra cosa. Non è mai facile entrare a freddo, perchè comunque mancava anche poco alla fine. Bisogna farsi trovare sempre preparati e mettersi al servizio della squadra. Sapevo che avrei trovato ciò che ho trovato, mentalmente ero pronto”. 

Tornato all’Inter questa estate il difensore italiano sa di essere una riserva ma è pronto a questo ruolo: “In questo mesi ho cercato di seguire le indicazioni del mister. Sono tornato per essere a disposizioni della società e giocare quando tocca a me, devo farmi trovare pronto. Lavorando con dei grandi calciatori accanto e con un grande allenatore cresci e migliori, bisogna farlo sempre. Bisogna migliorarsi anche a 35-36 anni, ascoltare l’allenatore è sempre fondamentale. Non ero particolarmente emozionato, volevo soltanto aiutare la squadra a vincere ed ero concentrato per fare il meglio possibile visto che non avevo neanche fatto riscaldamento”. 

Copyright © 2015 Cierre Media Srl