Juan: “Moratti uomo eccezionale, per noi è come un padre. Quando ero in Brasile…”

Moratti Juan Jesus
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Moratti Juan JesusÈ uno dei punti fermi della retroguardia nerazzurra, nonché il più presente (747 minuti in 8 giornate, ndr), insieme a Nagatomo, nelle partite disputate fino ad ora.

In un’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport, Juan Jesus parla di Moratti e del suo recente addio, elogiandolo come uomo e ringraziandolo per averlo portato a Milano: “Moratti è un uomo eccezionale. E’ lui che devo ringraziare se sono all’Inter, quando ero in Brasile ricordo che mi chiamava per farmi venire a Milano e questo mi faceva molto piacere. Per noi tutti è come un papà, così come lo era suo padre, un grand’uomo di cui ha ripercorso la stessa carriera. Ci segue spesso in allenamento e in trasferta, così come ha fatto a Sassuolo”.

Non mancano considerazioni su Thohir e sulla possibilità che il suo arrivo rappresenti uno stimolo nuovo per tutti: “Noi pensiamo alla nostra partita e scendiamo in campo per vincere. Se lo facciamo siamo tutti contenti, perché è la cosa più importante”.

 

Antonio Simone