Uomini di Thohir a Milano. Incognita CdA: Moratti pronto a rinunciare al suo posto?

Massimo Moratti Erick Thohir Angelomario Moratti
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Massimo Moratti Erick Thohir Angelomario MorattiLa partita domenica sera all’Olimpico tra Torino e Inter è stata seguita anche da Erick Thohir, seduto comodamente sulla poltrona di casa a tifare per la sua nuova squadra che presto lo vedrà protagonista sul campo calcistico europeo.

Stando a quanto riportato questa mattina da La Gazzetta dello Sport, il promesso azionista di maggioranza dell’Inter tra due/tre settimane sarà a Milano per l’ingresso ufficiale in società. Tutto dipenderà dai tempi tecnici che serviranno per arrivare al closing. L’effettivo passaggio del 70% del pacchetto azionario alla società creata con i soci Roeslani e Soetedjo potrebbe arrivare per la fine della prossima settimana. Poi lo sbarco ufficiale dipenderà dalla data di convocazione dell’Assemblea straordinaria che dovrà approvare la nomina del nuovo Cda.

A proposito del quale, tra le ipotesi al vaglio c’è quella che vorrebbe Moratti fuori dal futuro board che dai quattordici attuali sarà ridotto a otto membri. Alla famiglia che ha fatto la storia dell’Inter ne andranno tre, di cui due paiono certi per Angelomario, figlio del petroliere e attuale vicepresidente, e per il fidato Rinaldo Ghelfi. L’attuale numero uno avrebbe deciso di lasciare il proprio posto non a Marco Tronchetti Provera, bensì a un dirigente della Four Partners, l’advisor di famiglia che nell’operazione Thohir ha affiancato Lazard Italia. Questo succederà se Moratti decidesse di declinare l’invito di Thohir. E a quel punto potrebbe accettare solo una carica onoraria.

Presto sapremo con certezza. Come presto sapremo anche come e con che tempi il nuovo azionista di maggioranza intende mettere mano in società. Di certo da qualche giorno sono a Milano due emissari di Thomas Shreve, l’uomo forte di Thohir che nel marzo-aprile scorso ha gettato in gran segreto le basi dell’operazione. La missione è quella di definire il nuovo organigramma e di valutare alcune posizioni societarie. Anche per una questione di discrezione, i due e gli uomini della Inner Circle non si muovono in sede ma tra alberghi e studi legali.