Difesa a tre e un super Cerci: ecco il nuovo Toro di Ventura

Giampiero Ventura
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Giampiero Ventura nuovo ToroL’anno scorso contro il Toro di Ventura allo stadio Olimpico finì 2-0 per l’Inter, gol di Milito e Cassano. Stramaccioni schierò la squadra con un prudente 4-1-4-1, con Cambiasso davanti alla difesa e il Principe unica punta davanti. Bastarono due lampi, uno nel primo tempo e l’altro nel secondo, per spazzare via i granata. Domenica sera servirà una partita diversa, perché le due squadre rispetto alla stagione passata sono cambiate molto, soprattutto il Torino.

Rispetto al 4-2-4, suo marchio di fabbrica, quest’anno Giampiero Ventura ha deciso di voltare pagina. Partito Ogbonna (passato ai cugini della Juventus), ora la linea è a tre, con Glik, Bovo e Rodriguez a formare il terzetto della retroguardia; il centrocampo è a cinque, con la rivelazione d’inizio stagione D’Ambrosio sulla fascia destra, Pasquale su quella mancina e il trio di mezzo formato da Vives, Brighi ed El Kaddouri. La qualità non manca nella rosa, che può vantare anche una coppia d’attacco di grande talento e freschezza: Cerci e Immobile.

Insomma, il mister ex Bari, al suo secondo anno sulla panchina del Torino in Serie A, ha puntato con decisione sul 3-5-2 che ormai spopola in Italia; sono stati abbandonati quindi i quattro uomini offensivi, due ali e due attaccanti, per avere in cambio una squadra più compatta e quadrata, che non rinuncia al gioco sugli esterni, ma agisce soprattutto in contropiede sfruttando la velocità di Cerci.

Il Toro quest’anno è apparso una squadra difficile da battere, come testimonia la vittoria sofferta della Juve nel derby, con un gol irregolare di Pogba. Dopo il 2-0 in casa contro il Sassuolo, i granata hanno perso con l’Atalanta e pareggiato con il Milan (con molte polemiche per il rigore di Balotelli al 90′). L’ultima vittoria dei granata è contro il Bologna, il 22 settembre al Dall’Ara. Poi sono arrivati due pareggi, contro Samp e Verona, e la sconfitta nel derby.

La classifica vede il Torino occupare il nono posto in classifica, ma nelle ultime giornate i ragazzi di Ventura avrebbero meritato almeno un paio di punti in più. I granata sono stati infatti penalizzati da una serie di decisioni arbitrali sbagliate, che hanno scosso l’ambiente e causato insofferenza. La pausa per le Nazionali sarà servita per calmare gli animi e per consentire a tutti di lavorare con la giusta concentrazione.

La difesa granata è apparsa tutt’altro che imperforabile nelle prime giornate, visti i dieci gol subiti. A peggiorare le cose per Ventura sono arrivate la squalifica di Glik e gli infortuni di Bovo e Rodriguez. Contro i nerazzurri ci sarà una soluzione d’emergenza: probabile un terzetto formato da Darmian, il nuovo acquisto Maksimovic e l’usato sicuro Moretti.

In avanti la prima preoccupazione per la difesa interista viene da super Cerci, che ha segnato sei gol in sette giornate: uno score impressionante che, al di là dei gol arrivati su calcio di rigore, dimostra la crescita esponenziale del numero undici sotto la guida di Ventura. Accanto a lui ci sarà Ciro Immobile, altro giovane di grandi prospettive, titolare fisso nell’Under 21 azzurra.

All’Olimpico il Toro darà battaglia e per gli uomini di Mazzarri strappare i tre punti non sarà per nulla facile. Le sgroppate di D’Ambrosio sulla fascia, la qualità delle punte e la fantasia dei centrocampisti come Brighi e El Kaddouri potrebbero mettere in difficoltà l’Inter se non sarà compatta in difesa e giocherà di squadra.