A Mazzarri non riesce il miracolo: Alvaro Pereira continua a deludere

Alvaro Pereira Pinzolo
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Alvaro Pereira PinzoloArchiviata la primissima parte di stagione, conclusasi con la sonora sconfitta inflitta dalla Roma, è tempo di primi bilanci in casa Inter; come è stato ripetuto più volte, Mazzarri è riuscito a dare nuova linfa alla squadra e ad esaltare giocatori che non si erano ancora espressi come potevano, su tutti Alvarez e Jonathan.

C’è un giocatore però, che non ha ancora beneficiato delle “cure” del tecnico toscano: si tratta di Alvaro Pereira. Arrivato nell’estate 2012 dal Porto per la bellezza di 10 milioni di euro più bonus, l’esterno uruguaiano non è ancora stato in grado di ripagare l’importante spesa compiuta per portarlo a Milano; e, se già dall’anno scorso palesava evidenti lacune tecnico-tattiche, quest’anno si sta confermando come poco affidabile in fase difensiva e impreciso quando si tratta di accompagnare l’azione.

Causa l’infortunio di Jonathan, il numero 31 nerazzurro è sceso in campo sia nella trasferta di Trieste contro il Cagliari sia nella disfatta casalinga contro la Roma; l’anonima prestazione contro i rossoblu, dove non aveva entusiasmato e non aveva fatto niente di particolare per scrollarsi di dosso l’etichetta di “riserva”, è stata seguita da una gara gravemente insufficiente contro i capitolini. Un rigore causato (con la complicità dell’arbitro addizionale), poca spinta, appoggi imprecisi e soprattutto evidenti lacune difensive hanno macchiato la sua partita, terminata dopo soli 45 minuti di gioco. Nel primo tempo, Gervinho e Florenzi hanno sfondato come volevano dalle sue parti e non è un caso che due reti su tre siano arrivate proprio dalla fascia sinistra dell’Inter.

Mazzarri tira le somme e non fa drammi, benedicendo la sosta che consentirà, fra due settimane, il ritorno dei suoi “titolarissimi”. 

 

Antonio Simone