Rudi Garcia conferma il 4-3-3 che ha schiantato il Bologna: l’unico dubbio…

Gervinho Ljajic
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gervinho LjajicQuesta sera, alle ore 20.45, l’Inter si ritroverà di fronte allo stadio “Giuseppe Meazza” la Roma di Rudi Garcia, squadra rivelazione di questo inizio campionato e alla ricerca della settima vittoria consecutiva in altrettante gare.

Un match che si preannuncia spettacolare, visto che si affronteranno i due attacchi e le due difese migliori di queste prime sei giornate di Serie A: 17 gol fatti e uno solo incassato è lo score dei giallorossi, 16 reti realizzate e tre subite invece hanno caratterizzato fin qui il cammino degli uomini guidati da Walter Mazzarri.

Il tecnico dei capitoloni dovrebbe confermare sia lo stesso modulo che gli ha permesso di schiantare solo una settimana fa il malcapitato Bologna (5-0) sia gli stessi interpreti. Spazio quindi al collaudato 4-3-3 con Morgan De Sanctis tra i pali, Balzaretti a sinistra e Torosidis a destra (riconfermato al posto dell’infortunato Maicon, che deve così rinunciare al suo ritorno a San Siro da avversario) con Castan e il goleador Benatia (due centri nelle ultime due partite) al centro della difesa; a centrocampo gli intoccabili Pjanic, De Rossi e Strootman, che rappresentano forse l’elemento chiave di questa squadra fin qui devastante in attacco e quasi perfetta in difesa.

L’unico dubbio di formazione per Garcia sembra riguardare il reparto avanzato dove Gervinho e Ljajic sono in lotta per un posto al fianco di capitan Totti e del “reinventato” Florenzi, bravo ad aiutare il centrocampo in fase di non possesso e abilissimo negli inserimenti senza palla quando il pallino del gioco è nella mani dei giallorossi.

Il ballottaggio, comunque, dovrebbe essere vinto dall’ivoriano ex Arsenal, visto il suo grande stato di forma (come dimostrano i tre gol realizzati tra Sampdoria e Bologna, ndr) e le non perfette condizioni fisiche del ventiduenne serbo (bloccato in settimana dalla lombalgia). Per l’ex attaccante della Fiorentina si prevede, quindi, un ingresso a gara in corso con tutti gli scongiuri del caso per i tifosi dell’Inter poiché, le tre reti che ha siglato da quando è arrivato nella capitale, le ha messe a segno partendo sempre dalla panchina.

Stasera al tecnico francese mancheranno per infortunio, oltre a Maicon, anche il giovane Romagnoli, l’ex nerazzurro Mattia Destro e lo statunitense Bradley.