Si rivede Mudingayi, una pedina in più per la mediana interista

Mudingayi allenamento
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Mudingayi allenamentoGaby Mudingayi scalda i motori in vista del rientro: fermo ai box dal 28 gennaio 2013 a causa di un brutto infortunio al tendine d’achille, il centrocampista belga si appresta a fare il suo ritorno in campo. Negli ultimi giorni ha assaporato l’erba di Appiano Gentile, lavorando in gruppo con i compagni e svolgendo (sia ieri che stamattina) la classica partitella di fine allenamento davanti a mister Mazzarri e al suo staff.

I momenti bui, dunque, sembrano essere accantonati nel dimenticatoio e il ritorno al calcio giocato rappresenta un’iniezione di fiducia per il centrocampista che, ai tempi della gestione Advocaat, recitava un ruolo da protagonista anche nella nazionale del suo Paese. Presumibilmente, una volta recuperata completamente la condizione fisico-atletica, Mazzarri deciderà di inserire l’ex centrocampista di Torino e Bologna nella lista dei convocati. Se, comprensibilmente, il suo rientro non modificherà le gerarchie disegnate da Mazzarri e dal campo, la sua completa disponibilità potrebbe rappresentare per il tecnico toscano una valida alternativa per un centrocampo che nel corso della stagione avrà bisogno di tirare un pò il fiato.

Sebbene con caratteristiche un po’ diverse, Gaby Mudingayi rappresenta l’alter ego del Cuchu Cambiasso e per tale ragione potrebbe tornare utile per dare un po’ il cambio all’attuale capitano nerazzurro che, organicamente, fisiologicamente ed atleticamente non può supportare e sopportare il peso di una quarantina di partite stagionali. La soluzione con Kovacic schierato da play basso in luogo di Cambiasso appartiene ad una logica diversa e lo stesso ex allenatore del Napoli ha più volte manifestato il proprio desiderio di voler ritagliare una posizione maggiormente offensiva al talentino croato. Detto che Kuzmanovic non convince come regista arretrato e che Mazzarri vede in lui più un interno di centrocampo, detto che il giovane Olsen deve ancora veder passare tanta acqua sotto i ponti, il recupero dell’ex capitano bolognese è una lieta notizia per il mister interista che potrà aggiungere un tassello di forza e sostanza alla sua mediana.

Particolarmente dotato in fase di interdizione, votato al sacrificio, lucido anche se lineare in fase di costruzione, Mudingayi non solo si candida ad essere un’alternativa a Cambiasso, ma potrebbe rappresentare una buona soluzione in quelle partite in cui situazioni di vantaggio impongono di serrare le fila.