Mazzarri rigenera Jonathan e Nagatomo, ma Pereira resta un mistero. A gennaio…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

mistero PereiraL’arrivo di Walter Mazzarri sulla panchina nerazzurra ha giovato a parecchi giocatori che, con il nuovo allenatore, sono riusciti a trovare quegli stimoli necessari per rendere al massimo in campo. Da Alvarez a Ranocchia, passando per Jonathan e Nagatomo, il tecnico di San Vincenzo è riuscito a toccare le corde giuste di quei ragazzi che in passato scendevano a San Siro con il freno a mano tirato.

Proprio il brasiliano e il giapponese sono stati fin qui fondamentali per sviluppare il 3-5-2 imposto dall’ex allenatore del Napoli che, non avendo ricevuto dal mercato estivo i giusti rinforzi per le fasce, è riuscito a rigenerare gli elementi già presenti in rosa. Lo stesso discorso, però, non può esser fatto per Alvaro Pereira che, al momento, sembra fuori dai progetti. Almeno sulla carta, il modulo adottato da Mazzarri pareva costruito su misura per esaltare le caratteristiche di Palito, ma l’uruguaiano fin qui ha fatto solo qualche apparizione in amichevole e disputato una manciata di minuti contro il Cittadella in Tim Cup ad agosto.

Arrivato all’Inter nell’estate 2012 dal Porto per 10 milioni di euro più bonus, l’esterno di Montevideo, con le sue prestazioni al di sotto delle aspettative, non è ancora riuscito a onorare l’importante investimento effettuato dalla società. Pereira non si è mai espresso su alti livelli, incappando spesso in prestazioni sottotono. Impegno e volontà non sono certo mancati, ma per fare la differenza in una squadra come l’Inter serve ben altro.

La società di corso Vittorio Emanuele ha investito molto su di lui, strappandolo alla concorrenza di altri importanti club europei (basti pensare che l’estate precedente il Chelsea aveva offerto addirittura 18 milioni di euro più bonus, trovando l’opposizione del Porto, ndr). Questa fiducia, però, non è quasi mai stata ripagata sul campo. Sicuramente le difficoltà incontrate dalla squadra nella scorsa stagione non hanno agevolato l’ambientamento del giocatore, ma Pereira ha mostrato dei limiti troppo evidenti sia a livello tecnico che tattico.

Complice il buon rendimento offerto da Jonathan e Nagatomo, unito a un precampionato non entusiasmante, il numero 31 nerazzurro non sta trovando spazio nella nuova Inter. Sembrava che l’arrivo di Mazzarri potesse rigenerarlo, ma al momento ad aver beneficiato della cura sono stati soprattutto i suoi competitors. Per questo, soprattutto se Zanetti dovesse dimostrare entro l’inizio del nuovo anno di aver recuperato completamente dall’infortunio, l’ex Porto potrebbe fare le valigie già a gennaio, per evitare che il suo cartellino si svaluti più di quanto non abbia già fatto.