Taider: “Devo crescere ogni giorno, voglio onorare questa maglia. Con Mazzarri…”

Saphir Taider allenamento
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Saphir Taider allenamentoIl suo primo derby d’Italia, il “Meazza” gremito e gli applausi del pubblico interista. Di questo e di tanto altro ancora ha parlato Saphir Taider in un’intervista concessa ai microfoni di Sky Sport 24: “E’ stato bellissimo, siamo stati contenti della nostra prestazione, ma adesso quella partita è finita e dobbiamo guardare avanti, alla prossima, al Sassuolo. Un privilegio essere all’Inter a 21 anni? Ho lavorato tanto per arrivarci, ma adesso c’è bisogno di crescere ogni giorno. Ho avuto l’opportunità di venire all’Inter e mi prometto ogni giorno di migliorarmi sempre di più”.

Sul rapporto con Walter Mazzarri: “Sappiamo tutti cosa vuole da noi giocatori, è un allenatore che ha già fatto bene in Italia e noi lo seguiamo per continuare così. Che cosa significa l’Inter per me? Ogni volta che scendiamo in campo cerchiamo di onorare questa maglia.

Dal Bologna all’Inter, da Pioli a Mazzarri e forse un ruolo e un gioco un po’ diversi: “In realtà non lo sono molto, lui mi chiedeva di difendermi e di inserirmi appena ne avevo l’opportunità. Devo crescere in tante cose, sono giovane e in questo senso non mi pongo limiti. Il mister ci dà consigli anche su come impostare il nostro rapporto con i media? No, lui parla tanto con noi a livello calcistico e anche extra calcistico, umano. Per noi è normale parlare di tutto con il Mister. A chi mi sono ispirato per la cresta? (ndr, sorride) A nessuno… a me stesso”.

Si parla poi di vantaggio e svantaggi per i giocatori nel non giocare le coppe europee (“per un calciatore giocare le coppe è sempre bello perchè affronti grandi squadre”) e se sia esagerato parlare di scudetto: E’ solo l’inizio di campionato, la strada è molto lunga, vedremo alla fine. La squadra più forte? Sono tante in Italia, Juventus, Milan, Napoli, Roma… sono quelle, hanno campioni ed è bene per tutti perchè aumenta il livello di competitività del campionato”.

 

 

Fonte: inter.it