Hugo il “Toro”, l’arma in più di Mazzarri contro la Juve

Hugo Campagnaro Inter-Juventus
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Hugo il Toro CampagnaroTra tutti gli acquisti della campagna estiva, il suo è stato tra i meno sponsorizzati. In pochi tra gli addetti ai lavori erano pronti a scommettere su di lui come miglior rinforzo del mercato nerazzurro, ma Hugo Campagnaro si è conquistato questo titolo allenamento dopo allenamento, partita dopo partita. La difesa interista, orfana di Samuel (vittima dell’ennesimo infortunio), ha trovato nel centrale ex Napoli il suo nuovo punto di riferimento.

Sarà stato per il suo legame con Mazzarri, di cui conosce a memoria credo tattico e richieste, ma Hugo ci ha messo pochissimo a ambientarsi nella nuova realtà nerazzurra. A vederlo in campo nelle prime partite estive sembrava già un veterano dell’Inter, uno di quei senatori, alla Cambiasso, che militano nelle file della Beneamata da tantissime stagioni. Così nel suo esordio a San Siro è stato uno dei più applauditi, nonostante gli anni trascorsi a Napoli da avversario. D’altronde alla Scala del Calcio hanno il palato fino, e l’argentino ha impressionato da subito tutti i tifosi per il suo carattere e il suo coraggio dentro e fuori dal campo.

Campagnaro ha preso fin da subito in mano le redini della retroguardia, proponendosi per via naturale come leader della difesa interista. Un po’ perché la difesa a tre è il suo pane quotidiano, a differenza che per Juan Jesus, che ancora deve imparare al meglio i movimenti del modulo di Mazzarri, un po’ perché l’età e l’esperienza ne fanno un compagno di cui fidarsi e da cui prendere spunto per migliorarsi. A livello di personalità nessuno, a parte Samuel, può competere con Hugo.

Il Toro, come lo chiamano in Argentina, è quello che serviva all’Inter e Mazzarri sarà stato il più felice nel ritrovarlo come compagno nella sua nuova avventura a Milano. Campagnaro rappresenta infatti il modello di giocatore voluto dal mister toscano: umile, sempre pronto a lottare, resistente, dedito alla causa e preciso nell’eseguire le consegne (non solo tattiche) dell’allenatore. Gli altri nerazzurri, specie i giovani, dovrebbero imparare molto dall’argentino lavorando fianco a fianco con lui ogni giorno.

Domani, contro la Juventus, Campagnaro sarà sicuramente titolare, pronto a guidare da leader la difesa nerazzurra. In assenza di Samuel, quella di Hugo è stata davvero una bella scoperta. Branca lo ha soffiato ai bianconeri che in estate lo avevano cercato per rinforzare il loro reparto difensivo. Un ottimo acquisto, peraltro a parametro zero, che potrebbe essere decisivo nel cammino dell’Inter di Mazzarri.