InterNazionali: sconfitta per Guarin, Handanovic imbattuto. Campagnaro e Palacio…

Fredy Guarin Hugo Campagnaro Nazionali
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Si è chiusa nella notte italiana la due giorni che ha visto impegnati i dodici nerazzurri convocati dalle rispettive nazionali.

Ad aprire le danze era stato Mateo Kovacic, protagonista del successo ottenuto lunedì pomeriggio dalla Croazia Under 21 contro l’Urcaina. Una partita in cui l’ex Dinamo Zagabria – utilizzato per 86 minuti – si è distinto per uno splendido assist fornito a Rebic, autore del gol dell’1-0.

Nella giornata di ieri, invece, il primo a scendere in campo è stato Yuto Nagatomo che, con il suo Giappone, ha battuto 3-1 il Ghana nell’amichevole disputata al Saitama Stadium. L’esterno nerazzurro è rimasto in campo per 91 minuti, venendo sostituito in pieno recupero dal compagno Tomoaki Makino.

Vittoria anche per Samir Handanovic, che ha mantenuto l’imbattibilità nel match valido per le qualificazioni ai prossimi mondiali tra Cipro e Slovenia, e per la coppia algerina TaiderBelfodil, in campo nel successo di misura (1-0, ndr) ottenuto contro il Mali. Il centrocampista è rimasto in campo per 88 minuti, mentre l’ex Parma è entrato al novantesimo al posto di Hilal Soudani.

Non è stato utilizzato invece Andrea Ranocchia nella rimonta azzurra contro la Repubblica Ceca, che ha permesso all’Italia di Cesare Prandelli di staccare il pass per Rio 2014 con due turni di anticipo. Stesso trattamento per Alvaro Pereira che ha osservato dalla panchina il successo del suo Uruguay (2-0, ndr) contro la Colombia del compagno di squadra Fredy Guarin, rimasto in campo per tutta la durata del match. Da segnalare anche i 65 minuti di Patrick Olsen, schierato titolare dal ct dell’Under 21 danese nella trasferta in terra slovena per le qualificazioni a Euro 2015.

In ultimo è toccato al trio albiceleste CampagnaroPalacio-Alvarez che, grazie alla vittoria per 5-2 sul Paraguay, ha regalato alla Seleccion l’accesso anticipato alla rassegna intercontinentale del prossimo giugno: i primi due sono rimasti in campo rispettivamente per 90 e 65 minuti, mentre il trequartista ex Velez non è stato utilizzato dal ct Sabella.

 

Alessandro Suardelli

(Twitter: @AleSuardelli)