Vucinic verso il forfait, ma la vera emergenza per i bianconeri è in difesa

Antonio Conte processo
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Emergenza difesa per ConteA pochi giorni dal big match di San Siro contro l’Inter, a tenere banco in casa Juve è la situazione infortunati. Infatti, oltre al già noto problema di Barzagli (fermo ai box per un’infiammazione al tendine d’achille, che lo ha costretto a rinunciare alla convocazione di Cesare Prandelli), la sosta per le nazionali ha portato in dote, per ora, altre due grane, ovvero gli stop di Martin Caceres e Mirko Vucinic.

L’uruguaiano ha subito una lesione al menisco del ginocchio destro durante la gara contro il Perù, valevole per le qualificazioni ai prossimi Mondiali e dopo aver fatto rientro in Italia si è sottoposto, nella mattinata di oggi, a un intervento chirurgico che lo terrà lontano dai campi di gioco per almeno 35-40 giorni.

Il suo infortunio è una brutta tegola per Antonio Conte, in quanto il difensore ex Barcellona era l’indiziato principale per sostituire Barzagli sul centrodestra della difesa. A questo punto, diventa indispensabile la presenza di Angelo Ogbonna, che sarà costretto ad agire in una posizione tutt’altro che naturale vista la sua predisposizione ad usare il piede mancino. Per il tecnico leccese ci sarebbe anche la possibilità di inserire l’ex Torino al centro e dirottare Bonucci sull’esterno ma, almeno per il momento, questa sembra un’ipotesi difficilmente percorribile.

Chi, invece, ha ancora qualche possibilità di esserci sabato prossimo è proprio l’attaccante montenegrino, uscito anzitempo dal terreno di gioco nel match contro la Polonia a causa di una contusione al ginocchio sinistro dopo uno duro intervento da parte del granata Glik.

In ogni caso, anche se lo staff medico bianconero dovesse riuscire nell’impresa di recuperarlo, Vucinic potrebbe essere tenuto precauzionalmente a riposo in vista della sfida di Champions League di martedì prossimo a Copenaghen. Ora come ora, il favorito a sostituirlo è Fabio Quagliarella, incalzato da Sebastian Giovinco e dall’oggetto misterioso Fernando Llorente.