Inter-Juventus tappa fondamentale per la crescita nerazzurra

Mazzarri riunione convocati San Siro
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

crescita nerazzurraCresce l’attesa intorno a Inter-Juventus: nonostante sia solo la terza giornata di campionato, molti indicano il derby d’Italia come crocevia della stagione nerazzurra. Più che per la classifica, in realtà, un risultato positivo contro i bianconeri servirebbe a Mazzarri per cementare il gruppo e scacciare, forse definitivamente, i fantasmi della scorsa stagione.

Quella con la Juventus non è mai una partita come le altre per l’ambiente nerazzurro. La rivalità fra questi due universi calcistici non si è attenuata nemmeno negli anni in cui una delle due squadre era lontana dalla lotta per il titolo, a maggior ragione la sfida sarà sentita ora che i due club guidano la Serie A.

Naturalmente, qualunque sia l’esito della partita, gli effetti a livello di classifica saranno veramente limitati: troppo poche tre giornate per cambiare le gerarchie del campionato, troppo lunga la stagione per parlare di fuga o allungo a metà settembre.

Tuttavia, una vittoria o una grande prestazione contro la rivale di sempre potrebbero dare alla squadra di Mazzarri una consapevolezza delle proprie forze e una sicurezza nei propri mezzi difficilmente ottenibile senza battere con merito una big. La Juventus è il metro di paragone con cui devono misurarsi tutti i club italiani con l’ambizione di occupare con continuità i piani alti della classifica. Con due scudetti consecutivi e una solidità inattaccabile, i ragazzi di Conte sembrano davvero aver trovato la formula per prolungare il loro dominio entro i confini nazionali.

Premesso che sarà impresa ardua impensierire i torinesi per la conquista del titolo, la vittoria nello scontro diretto potrebbe avere risvolti psicologici importanti: il popolo nerazzurro ne sarebbe galvanizzato, i giocatori comprenderebbero le loro reali possibilità e la società potrebbe pensare di alzare l’asticella dei propri obiettivi, magari con investimenti importanti a gennaio se la situazione di classifica dovesse ancora far sognare i tifosi.

Attenzione però a non prendere le indicazioni che arriveranno da Inter-Juventus come certezze definitive: il derby d’Italia dell’anno scorso, vinto da Stramaccioni allo Juventus Stadium con una grande prova, segnò la prima sconfitta interna della Juventus, ma non significò affatto una svolta positiva per la Beneamata; dopo quella gara, infatti, l’Inter non riuscì a trovare continuità nel gioco e nei risultati, scivolando inesorabilmente verso le zone meno nobili della classifica e abbandonando prestissimo il sogno tricolore partorito nella magica notte di Torino.

A Walter Mazzarri il compito di continuare, a partire da domenica prossima, il percorso di crescita della squadra, qualunque sia il verdetto del campo.