Milito-Samuel, voglia di derby d’Italia: i due argentini verso la convocazione, ma il loro impiego…

Samuel e Milito
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Milito e SamuelIl test di ieri con il Lugano è servito a mister Mazzarri per valutare la condizione fisica di chi è stato utilizzato meno in questo avvio di stagione e di chi è reduce da un lungo infortunio, come Diego Milito e Walter Samuel. I due argentini, infatti, stanno lavorando duramente al fine di ritrovare la miglior condizione atletica per superare i guai fisici che hanno limitato il loro rendimento nel finale della passata stagione e soprattutto in questo precampionato.

Guardando oltre il solo risultato del campo, un 2-2 ottenuto in rimonta grazie alle reti di Kuzmanovic e del Principe che hanno ribaltato il doppio svantaggio, si sono potuti constatare segnali tangibili di miglioramento per entrambi; Milito, oltre al gol, è apparso sicuramente più attivo dal punto di vista della mobilità, sebbene non abbia ancora la lucidità sottoporta dei giorni migliori.

Il recupero di Milito, unito a quello di Samuel, anch’egli in ripresa nell’amichevole di ieri, può essere fondamentale per le sorti del campionato nerazzurro: due giocatori della loro qualità e dotati di grande esperienza risulteranno essere fondamentali nella crescita della squadra e dei compagni di reparto più giovani.

Per i due argentini si prospetta la convocazione per il big match di sabato prossimo con la Juventus, gara dal grande fascino e per cui è previsto il pubblico della grandissime occasioni.

Sebbene Mazzarri vorrà avere Diego e Walter a disposizione, è assai improbabile, per non dire impossibile, un loro utilizzo dal primo minuto; troppi i mesi passati lontano dai campi di gioco o a lavorare a parte per ritrovare la condizione, troppo alto il rendimento mostrato in queste prime giornate dai compagni che li hanno sostituiti (basti pensare a Palacio in avanti e Ranocchia nel cuore della difesa) per cambiare un meccanismo che sta ingranando sempre di più. Il loro apporto sarà determinante in un periodo più lungo del semplice incontro con i bianconeri.