Mazzarri ritrova Samuel e Milito, ma l’Inter non va oltre il 2-2 con il Lugano

Inter vs Lugano esultanza
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Inter vs Lugano esultanzaIl Lugano si conferma “bestia nera” dell’Inter. La formazione della Serie B svizzera sfiora un’impresa già riuscita nell’ottobre 2011, quando in un’altra amichevole – disputata sempre al centro sportivo “Angelo Moratti” – i nerazzurri di Claudio Ranieri vennero sconfitti con un sorprendente 2-0. Questa volta a evitare il k.o. all’undici di Mazzarri sono i gol di Diego Milito e Zdravko Kuzmanovic, che rispondono alle reti di Tosetti e Santillo.

Succede tutto nella ripresa, con l’Inter che sbanda pericolosamente nei primi minuti, evidenziando una differenza di concentrazione e condizione che rischia di costare cara ai fini del risultato.

Il Lugano passa subito in vantaggio con Toselli, che porta palla per diversi metri, prima di trafiggere Castellazzi con un sinistro deviato imparabilmente da Rolando. Pochi minuti più tardi gli svizzeri hanno l’occasione per raddoppiare su calcio di rigore, concesso per un fallo ingenuo di Wallace su Santillo. Lo stesso attaccante si presenta dal dischetto, ma trova la risposta di Castellazzi, che tiene il punteggio fermo sull’1-0.

I nerazzurri però non riescono ad uscire dalla loro trequarti e gli ospiti trovano comunque il raddoppio grazie al colpo di testa di Santillo, che riscatta l’errore dagli undici metri sfruttando un cross dalla destra di Tosetti.

L’Inter sembra sul punto di crollare, ma si rialza al 22′ grazie all’attesissimo ritorno al gol di Diego Milito. Il “Principe”, dopo aver fallito quattro occasioni in meno di dieci minuti sul finire del primo tempo, riesce a sbloccarsi con un preciso destro dal limite dell’area, che si infila sotto la traversa alle spalle dell’estremo difensore avversario. Buon segnale per Walter Mazzarri, che ha visto crescere con il passare dei minuti la condizione dell’attaccante argentino, apparso ancora comprensibilmente poco lucido davanti alla porta, ma più tranquillo nel riproporre alcune delle sue giocate.

La rimonta è completata poi da Kuzmanovic, che trova un gol spettacolare al termine di una bella iniziativa personale, conclusa con un sinistro infilatosi nel sette. Prima del triplice fischio c’è ancora un’occasione per il “Principe”, che però calcia alto dal limite dell’area su assist di Wallace.

Finisce così 2-2 alla Pinetina, con Mazzarri che, al di là del risultato sicuramente non entusiasmante, può sorridere anche per il recupero di Walter Samuel, che ha smaltito definitivamente il problema muscolare accusato a inizio stagione.