All around the world: gli impegni dei nazionali condizioneranno il derby d’Italia?

Fredy Guarin Colombia
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Fredy Guarin impegni dei nazionaliLe prime due giornate hanno evidenziato quanto questo campionato sia finalmente elevato verso l’alto, marcando da subito la forza di almeno cinque delle sette famigerate sorelle che si sfideranno presumibilmente fino all’ultimo respiro per le zone nobili della classifica.

Sarà un calendario ricco di scontri diretti tra le grandi e che, dopo il primo spartiacque alla seconda giornata tra Juve e Lazio, accenderà immediatamente i suoi riflettori sulla Scala del calcio per ospitare uno dei derby d’Italia più attesi degli ultimi anni.

Se è obiettivamente vero che la squadra disegnata da Conte ha, da due anni a questa parte, alzato vertiginosamente il suo livello di rendimento dopo vari piazzamenti anonimi delle passate stagioni, non si può che notare come la nuova Inter di Walter Mazzarri abbia già evidenziato grandi progressi dopo le prime tre uscite ufficiali, condendo le proprie prestazioni con nove gol fatti e zero reti subite, palesando quindi una solidità difensiva fondamentale per ottenere strisce vincenti di risultati.

Questo attesissimo big-match è in programma sabato 14 settembre alle ore 18, subito dopo la sosta dalle rispettive Nazionali che vedrà impegnati lo stesso numero di giocatori tra le fila dei nerazzurri e dei bianconeri. Sono infatti dodici i calciatori già partiti per effettuare in giro per il Mondo una serie di doppi confronti nei rispettivi gironi per inseguire un sogno chiamato Mondiale. Al loro ritorno alla base, chi si presenterà più fresco all’importante evento?

Per l’Inter, a livello di trasferte in terre europee, giocheranno solo quattro elementi (Ranocchia, Handanovic, Olsen e Kovacic), in Africa i connazionali algerini Taider e Belfodil affronteranno a domicilio il Mali e infine ben sei giocatori varcheranno l’Oceano per partecipare alle rispettive partite in programma la prossima settimana.

Fredy Guarin con la sua Colombia sfiderà anche l’Uruguay di Pereira, Yuto Nagatomo sarà impegnato nel Sol Levante e i vari Rodrigo Palacio, Ricky Alvarez e Hugo Campagnaro affronteranno nella notte del 10 settembre il Paraguay ad Assunciòn. Brutte notizie per mister Mazzarri che avrà a disposizione il blocco più nutrito di atleti solo nella giornata di giovedì e di conseguenza ci sarà pochissimo tempo per preparare al massimo questa sfida che col passare dei giorni alzerà il suo livello di elettricità anche in merito alle singolari proposte, fortunatamente già bocciate dalla Lega, di anticipare la sfida a venerdì sera da parte di Andrea Agnelli.

Richiesta forse dettata dal fatto che la Juventus sarà impegnata con soli tre elementi in sfide transoceaniche (Caceres, Vidal e Isla), mentre tutto il resto della truppa (salvo Asamoah con il Ghana) agirà nel continente e mercoledì mattina sarà agli ordini di Conte per preparare al meglio la super sfida.

Il gioco delle parti è già iniziato, con gli allenatori che sicuramente in questi giorni monitoreranno attentamente il minutaggio dei propri giocatori dai rispettivi commissari tecnici, perché ognuno fa il proprio mestiere e la percezione di non arrivare all’appuntamento al massimo delle proprie forze logora molto gli addetti ai lavori.

Queste sono idee che aleggeranno finchè l’arbitro non darà il via alla partita; poi solo campo, solo emozioni, solo grande determinazione e voglia di superare e non assecondare le fatiche fatte per la propria patria. Solo novanta minuti di passione che (forse) spezzeranno via ogni dubbio.