Ranocchia: “Siamo un gruppo giovane. Mazzarri cura molto i dettagli. Con l’Inter sogno di…”

Andrea Ranocchia
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Andrea RanocchiaDa possibile elemento sacrificabile per incassare soldi “pesanti” da reinvestire sul mercato a leader della difesa: l’estate di Ranocchia era iniziata un po’ in sordina, tra dubbi e incertezze sul suo futuro, ma ora il Nazionale azzurro sta vivendo un periodo decisamente più positivo e brillante.

Ai microfoni di Sky Sport, l’ex Bari e Genoa ha parlato di questo avvio di stagione e dei cambiamenti avvenuti in estate; tra questi cambi vi è quello riguardante l’allenatore, con Mazzarri che ha preso il posto di Stramaccioni: “Mazzarri è un allenatore che cura molto i dettagli, i particolari. Lo fa sia in fase offensiva che difensiva, partendo dalle basi. Stiamo subendo pochi gol perchè siamo molto più compatti, si soffre meno perchè si lavora da squadra”.

Se mister Mazzarri ha portato con sè novità dal punto di vista della lettura tattica, insieme al tecnico toscano è giunto da Napoli Hugo Campagnaro, roccioso difensore che ha favorevolmente impressionato tutti in questo precampionato, compreso Andrea: “Dei nuovi sono stato colpito da Campagnaro, è partito molto bene. E’ un difensore dotato di grande esperienza, è affidabile e conosce bene il mister. La speranza di tutti è che continui così”.

Ora che il periodo di appannamento è alle spalle, Ranocchia ripensa all’estate che sta per terminare e che lo ha visto al centro di diverse speculazioni di mercato: “Da quando sono all’Inter circolano sempre tante voci, ma poi non accade nulla di concreto. E’ un po’ la solita estate, ormai ci sono abituato. Finchè avrò un contratto continuerò a dare il massimo e sudare per questi colori. Ho grandi stimoli, voglio vincere qui perchè finora ho messo in bacheca solo una Coppa Italia. Lo stimolo di alzare un trofeo importante all’Inter è ciò che mi dà la carica e mi fa presentare in ritiro in buone condizioni”.

Infine una battuta sulle candidate alla vittoria finale: “Il valore della Juve è innegabile, è una squadra forte, ma noi siamo un gruppo di ragazzi nuovi che ha molta voglia di fare. La cosa importante è sentirsi all’altezza”.