Jonathan: “Mazzarri ci fa sudare e i risultati si vedono. Rispetto il Genoa, ma a San Siro…”

Jonathan Inter-Real Madrid
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Jonathan Inter-Real MadridDopo un paio di stagioni difficili, vissute tra Inter e Parma, Jonathan pare esser riuscito a ritagliarsi un posto importante nella rosa nerazzurra. Il modulo del nuovo allenatore Mazzarri, il 3-5-2, largo a destra lo mette a proprio agio sgravandolo da rigidi compiti di copertura, liberandolo in fase di spinta.

L’esterno brasiliano, reduce da un infortunio alla spalla, è pronto a scendere in campo nella prima giornata di campionato e, a Inter Channel, ha rilasciato una breve intervista dove ha parlato del campionato che sta per cominciare e della sua condizione fisica.

– Con questo modulo di gioco ti trovi a tuo agio e hai avuto una crescita importante. Vero?

Si, stiamo lavorando molto, Mazzarri ci fa sudare tanto e i risultati si vedono. Io sto bene e mi sento molto fiducioso, è importante per un calciatore. La squadra deve ancora crescere ma io sono uno di quei giocatori che può migliorare e mi sto allenando per avere la giusta forma, sperando di arrivare a domenica facendo bene“.

A San Siro arriva il Genoa che, come l’Inter, quest’estate ha cambiato molto.

“Si, ci sono stati dei cambiamenti. Ogni partita però, soprattutto a San Siro, dobbiamo giocarla per vincere. Siamo in casa davanti ai nostri tifosi. Con tutto il rispetto per il Genoa, che è una grande società, con un allenatore e giocatori importanti, noi dobbiamo fare il nostro gioco ed essere superiori. Speriamo di cominciare il nostro campionato bene”.

– L’infortunio alla spalla fa ormai parte del passato?

“Va meglio ma devo fare ancora lavoro di potenziamento. Attualmente la spalla sinistra è più forte della destra, ma mi sento bene, entro comunque in contrasto con l’avversario. Ora non resta che riprendere il ritmo di gioco”.

– Col Cittadella hai segnato di testa e in Brasile dicono che sia la prima volta per te…

“Secondo me l’avevo già fatto con il Cruzeiro tanti anni fa…”.