San Siro all’inglese, senza fossati e barriere. I lavori cominceranno il prossimo 2 settembre

San Siro
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

San SiroSul fatto che a Milano ci sia sempre voglia di grande calcio non vi è dubbio. Da più di un secolo il capoluogo lombardo viene riconosciuto in tutto il mondo come una delle città più prestigiose, con Inter e Milan capaci di portare ai piedi della Madonnina qualcosa come 86 trofei, di cui 10 Champions League.

Proprio per questo, le due società meneghine vogliono restare al passo con le altre potenze europee, facendo di San Siro uno degli stadi all’avanguardia. Con l’Inter che sembra aver momentaneamente accantonato l’idea di costruire un impianto completamente nuovo, il progetto prevede la riqualificazione del Meazza in compartecipazione con il Milan.

Le due società milanesi stanno lavorando per rinnovare l’impianto milanese e farlo diventare in linea con i migliori stadi d’Europa. San Siro all’inglese, senza fossati e barriere. Si parte dal primo anello arancio. I lavori per eliminare il fossato che attualmente divide le tribune dal campo di gioco inizieranno il 2 settembre, al via della pausa della Seria A per la partita della nazionale. Quindici giorni di cantiere per rendere lo stadio Meazza più simile agli impianti anglosassoni, nei quali non ci sono ostacoli fisici tra pubblico e tifosi. Questi requisiti, sono anche quelli necessari per ospitare una finale di Champions League, che vede Milano in lizza per il 2016.

Nel corso della stagione calcistica 2014-2015, saranno invece eliminate le barriere che separano gli spalti dal campo nel primo anello blu e verde, nelle due curve dello stadio. Poi verranno eliminate le divisioni fisiche dal primo anello rosso, dove c’è la tribuna autorità, al manto erboso. In più entro il 2016 spariranno anche le barriere tra i settori dello stesso anello. Tutte opere che saranno realizzate dalla società M-I Stadio formata da Milan e Inter. L’importo dei lavori sarà scomputato dalla quota dell’affitto che le due società calcistiche versano ogni anno al Comune, proprietario del Meazza.

La Giunta comunale ha anche approvato il progetto definitivo per la realizzazione di una nuova e più grande Sala Executive nel sottotribuna del primo anello arancio, su due livelli: piano terra e galleria. Durante l’estate, intanto, sono stati riqualificati alcuni servizi igienici del primo anello. I lavori per il nuovo museo di Milan e Inter e per il maxi-negozio di gadget dovrebbero invece essere completati entro i primi mesi del 2014. Le due società hanno tutte le intenzioni per creare, almeno in parte, quello stadio moderno presente ormai in mezza Europa, che porti alle squadre i veri frutti economici di cui c’è assoluto bisogno per competere nel continente. Grazie alla linea 5 della metropolitana, che arriverà in piazza Axum, San Siro potrebbe così entrare di diritto nell’elite degli stadi europei e aggiudicarsi la finale di Champions League del 2016.