La Primavera di Cerrone pronta per l’esordio: ecco un’analisi della rosa, reparto per reparto

Salvatore Cerrone
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Salvatore CerroneNella giornata di domani partirá l’avventura dell’Inter Primavera nel Campionato di categoria. Dopo l’esclusione dalle “Final Eight” della scorsa stagione, la truppa agli ordini del nuovo mister Salvatore Cerrone è pronta a dar battaglia sin dalla prima giornata che vedrá i nerazzurri impegnati in trasferta a Brescia.

In questo giorno di vigilia andiamo a scoprire, reparto per reparto, la rosa che avrà disposizione Cerrone per riprovare a riportare il tricolore Primavera ad Interello.

Il mister dalle amichevoli estive sembra intenzionato a riproporre il 3-5-2, modulo portato in prima squadra da Walter Mazzarri, e tra i pali, in attesa di perfezionare l’arrivo dal Padova del portiere classe 1995 Luca Maniero, il titolare dovrebbe essere il polacco Dawid Smug con alle spalle altri due estremi difensori stranieri, il diciottenne croato Ivica Ivusic e il rumeno, classe 1997, Andrei Radu acquistato quest’estate dalla Pergolettese.

In difesa i titolari, accanto al fuoriquota Zaro, dovrebbero essere due ’95; il figlio d’arte Lorenzo Paramatti ed Isaac Donkor, centrale ghanese che ha già esordito con la prima squadra nerazzurri in Europa League a Kazan nella scorsa stagione. Valide alternative Giacomo Sciacca, Andrea Pinton e Yao il trio di difensori nati nel 1996 e punti di forza dell’ultima formazione degli Allievi Nazionali.

Sugli esterni agiranno a destra a destra Leonardo Longo ed a sinistra Fabio Eguelfi mentre è in mezzo al campo che la competizione per un posto da titolare si farà interessante. Due posti dovrebbero accaparrarseli i due gioiellieri Morten Knudsen e Lorenzo Tassi mentre ci sarà bagarre per l’ultimo spot da titolare. In lizza il fuoriquota Acampora (già in bella mostra nella scorsa annata, ndr), il talentoso diciottenne Andrea Mira, i nazionali Under 17 Andrea Palazzi e Demetrio Steffè, un altro ’96 di cui si dice un gran bene come Riccardo Gaiola ed il diciassettenne senegalese Mohamed Dabo arrivato dalla Sacilese.

Il reparto avanzato ha visto l’arrivo di uno dei migliori talenti italiani, Alessandro Capello prelevato dal Bologna in comproprietà. A giocarsi un posto accanto al golden boy emiliano ci saranno il terzo fuoriquota della squadra, Matteo Colombi, il rumeno Georgi Puscas (classe 1996, ndr) acquistato in prestito dal Liberty Ordea e il sedicenne Federico Bonazzoli, il talento più strabiliante del settore giovanile interista dai tempi di un certo Mario Balotelli.

Domani a Brescia però sarà l’occasione per tutti i tifosi nerazzurri per assaporare un dolce ritorno. Infatti tra i convocati per la trasferta c’è Diego Alberto Milito, alla prima uscita agonistica dopo l’infortunio di febbraio contro il Cluj nei sedicesimi di Europa League.