La storia tra l’Inter e Chivu volge al termine. Per il difensore rumeno rescissione vicina

Chivu infortunio perplesso
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Chivu infortunio perplessoSi pensava che l’arrivo di Rolando in prestito dal Porto servisse a Mazzarri per sopperire all’infortunio di Walter Samuel, vittima di cronici malanni muscolari e al ginocchio. Invece, il difensore portoghese pare esser sbarcato ad Appiano Gentile in vista della più che probabile rescissione del contratto che lega Cristian Chivu e l’Inter.

Il difensore rumeno soffre di un problema a un dito del piede che lo costringerà a un nuovo intervento chirurgico. All’inizio della stagione 2012/13, in scadenza di contratto, Chivu aveva rinnovato l’accordo con l’Inter fino al 30 giugno 2014, riducendosi l’ingaggio da 3,5 a 2,5 milioni a stagione. Il 2 agosto però, a Spalato, nel corso della partita di andata del terzo turno di qualificazione di Europa League contro l’Hajduk, subisce una lussazione post traumatica al secondo dito del piede destro. A settembre, ormai prossimo al rientro, è costretto ad operarsi. Ritorna in campo dopo più di quattro mesi, il 18 dicembre in occasione di Inter-Hellas Verona di Tim Cup.

Nella stagione conclusasi lo scorso maggio, anche a causa di altri problemi fisici, Chivu ha collezionato appena 15 presenze. Stessa storia nella stagione precedente, dove l’ex Roma era sceso in campo solo 22 volte ma, nonostante la scarsa affidabilità, l’Inter aveva comunque deciso di prolungargli il contratto.

Adesso però, dopo il ritiro di Pinzolo e un’estate vissuta sotto gli occhi di un attento Mazzarri, il futuro di Chivu sembra destinato a dividersi da quello della Beneamata. In nerazzurro dal 2007 e in scadenza nel prossimo giugno, il rumeno si opererà presto a Miami per la terza volta al piede destro nell’estremo tentativo di risolvere i problemi che lo affliggono da più di un anno. Sulle tracce del calciatore classe ’80 resta vivo l’interesse della Dinamo Mosca, società russa pronta a prelevarlo a parametro zero.