CALCIOMERCATO/ Inter: troppi i 18 milioni richiesti per Taider, ma con l’inserimento di…

taider
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

taiderWalter Mazzarri è stato chiaro: per completare il suo scacchiere tattico, oltre all’esterno destro, vuole un centrocampista centrale duttile, ovvero in grado di rompere l’azione e nel contempo di farla ripartire.

Il preferito del tecnico toscano sarebbe Radja Nainggolan del Cagliari, già richiesto al patron De Laurentiis ai tempi del Napoli, ma la bottega di Massimo Cellino è sempre molto cara e i nerazzurri hanno già avviato il piano B che porta a Saphir Taider. Il mediano del Bologna, è valutato anche lui sui 20 milioni di euro, cifra ritenuta dall’Inter fuori mercato.

Per arrivare al franco-algerino, la dirigenza nerazzurra starebbe pensando di inserire nella trattativa, oltre ad un conguaglio cash decisamente inferiore ai 18 richiesti, la seconda metà di Khrin più i prestiti di alcuni giovani che interessano agli emiliani: i nomi che circolano sono quelli di Duncan e Mbaye, ma non è da escludere Samuele Longo, in modo di accontentare in tutto e per tutto quelle che sono le esigenze del club allenato da Pioli.

Come riportato anche nella giornata di ieri, il giocatore franco-algerino, il quale ha destato anche l’interesse di molte big d’Europa (Manchester United su tutte), non sarebbe contento del suo stipendio (“soltanto” 250.000 euro) se rapportato a quello che è il suo valore di mercato. Per questo motivo il club felsineo, attanagliato dalla necessità di fare cassa e dall’imminente richiesta del giocatore di un aumento salariale, potrebbe convincersi e lasciar partire il centrocampista classe ’92 verso altri lidi.

Ancora da definire se il giocatore si trasferirebbe a Milano in comproprietà o a titolo definitivo, ma la sensazione è che lo scopriremo molto presto.