Thohir: "Spero di tornare presto. Dirà Moratti quando si chiuderà"

Thohir: “Spero di tornare presto. Cosa manca per chiudere l’affare? Non chiedetelo a me…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

dichiarazioni ThohirIl pranzo consumato ieri nel capoluogo meneghino tra Massimo Moratti, accompagnato dal figlio e vice presidente Angelomario, con il tycoon indonesiano non ha portato alla tanto attesa fumata bianca.

Tempi, quindi, apparentemente lunghi riguardo all’esito di questa trattativa multimilionaria dove i nodi da sciogliere sono fondamentalmente due: capire chi si accollerà i debiti del club e decidere il ruolo della famiglia Moratti nel biennio di transizione che dovrebbe portare Thohir ad acquisire entro il 2015 il 100% della società.

Intanto Erik Thohir ha lasciato Milano e, prima di partire, ha rilasciato qualche dichiarazione: “Spero di tornare prestoha detto – . Cosa manca alla conclusione? Non dovete chiederlo a me. Ho grande rispetto per la tradizione del club. Deciderà la famiglia Moratti“.

La missione nel capoluogo lombardo, secondo il magnate indonesiano, è stata comunque positiva:Mi è piaciuta molto la città: amo la gente e il cibo di Milano. Spero di tornare presto. Di più, purtroppo, non posso dire. Lo dirà Massimo Moratti quando si chiuderà la trattativa. Io rispetto la sua famiglia. Hanno fatto molto per l’Inter: i nerazzurri non sarebbero così famosi senza gli sforzi fatti da loro, ha ribadito lasciando l’Armani Hotel.

Thohir si è quindi imbarcato da Malpensa verso Jakarta. “Al di là del rispetto per i Moratti è chiaro che sono venuto qui per chiudere, ma rispetto la volontà e i tempi del presidente nerazzurro e della sua famiglia”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy