Campagnaro: “Lavoriamo duro, ma i tifosi ci caricano. Kovacic è strepitoso, vederlo da vicino…”

Hugo Campagnaro
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

intervista CampagnaroIn un’intervista esclusiva concessa ai microfoni di Sportitalia, Hugo Campagnaro ha parlato delle sue sensazioni dopo i primi giorni di ritiro con l’Inter: In campo stiamo lavorando tantissimo, ma per me non è una novità – spiega il difensore argentino –. La mattina facciamo esercizi sulla forza, poi lavoriamo sulla tattica. Da due giorni ci stiamo allenando sulla fase difensiva, il mister è attento a tutti i dettagli e ci spiega i movimenti da fare per limitare la pericolosità degli attaccanti avversari. Lui ha sempre ottenuto ottimi risultati con la difesa a tre, quindi è bene continuare così. Per me è il settimo ritiro con il mister, lo conosco a memoria. Questa è una tappa fondamentale per fare bene in campionato, siamo tutti un po’ provati, ma ci saranno momenti meno pesanti”.

Sulla calorosa accoglienza dei tifosi a Pinzolo, l’ex centrale del Napoli si esprime così: “Vengo da un club che ha una tifoseria molto calda, quindi sono abituato. Però vedere ogni giorno le tribune piene non mi era mai capitato. Ti spinge ancora di più a dare il massimo. Il nostro obiettivo è migliorare il risultato dell’anno scorso, una stagione anomala per l’Inter”.

In chiusura una battuta sui nuovi compagni: Chi mi ha sorpreso di più? Mateo Kovacic, ma penso non abbia stupito solo me. Già l’anno scorso ha fatto bene, ma vederlo da vicino fa ancora più impressione”.