CALCIOMERCATO/ Inter, si tratta a oltranza per Nainggolan. Il belga vuole Milano

Radja Nainggolan
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Radja NainggolanSul fatto che Radja Nainggolan sia l’obiettivo principale per rinforzare il centrocampo nerazzurro non ci sono più dubbi. Per assicurarsi le prestazioni del belga, l’Inter dovrà convincere a suon di milioni il patron cagliaritano Massimo Cellino, propenso sì alla cessione del suo gioiello, ma solo alle sue condizioni.

La richiesta dei sardi continua ad essere vicina ai 15 milioni di euro, una cifra importante se consideriamo che Nainggolan, nonostante le ottime stagioni disputate in Sardegna, con la nazionale belga maggiore ha inanellato appena 4 presenze. Questo dato non mette certo in discussione il valore del Ninja, ma spinge Branca a valutare attentamente la situazione.

15 milioni di euro possono anche essere spesi per un centrocampista di qualità e di caratura internazionale, ma Nainggolan ancora non pare rientrare in questa casistica. Proprio per questo, il direttore dell’area tecnica nerazzurra starebbe cercando di abbassare le pretese di Cellino inserendo nell’operazione il prestito di qualche giovane interessante sbocciato dalla Primavera nerazzurra. Il centrocampista venticinquenne di Anversa, ha fatto sapere di volere a tutti i costi l’Inter, consapevole del fatto che, un’eventuale ingresso in società da parte di Thohir, lo esporrebbe quale fiore all’occhiello nerazzurro nel mondo indonesiano.

La situazione però deve ancora sbloccarsi: il nodo è l’inserimento di alcune giovani contropartite e la formula della loro cessione. Il patron rossoblu vorrebbe circa 10 milioni più le comproprietà della punta Samuele Longo o del centrocampista Alfred Duncan, e del promettentissimo portiere dell’Under 21 Francesco Bardi. Dal canto suo, l’Inter propone 7-8 milioni più due prestiti.

Non volendo privarsi dei suoi talenti, l’unico per il quale si potrebbe decidere di fare un sacrificio è l’attaccante di Valdobbiadene, per il quale si sta lavorando sull’ipotesi del prestito con diritto di riscatto della metà, anche se l’Inter vorrebbe inserire delle opzioni per avere la priorità sul controriscatto ed evitare un caso simile a quello di Mattia Destro. Per Bardi e Duncan, invece, la società non ne vuole sentire e resiste: si accetta solo il prestito.

Adesso tocca quindi a Cellino che con la Roma si è dimostrato il solito osso duro ma, vista l’amicizia con Moratti, potrebbe venire incontro alla proposta nerazzurra.