Da Penisola felice a landa desolata: la fine di una supremazia

Italia pallone
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Italia palloneEra una Penisola felice baciata dal sole, percorsa dalla maestosità di Alpi e Appennini e bagnata su tre lati da un mare che rende ancor più variegata e suggestiva l’intera cornice paesaggistica. Famosa per cibo, cultura, storia e non ultimo il calcio, pronta com’era ad accogliere tra le sue innumerevoli bellezze i migliori giocatori e allenatori in circolazione, esportando in tutto il mondo la competitività e lo spettacolo offerto dalla Serie A.

Le sue componenti geografiche e culturali ovviamente non sono mutate, ma quella penisola felice che affermava in modo fermo e deciso la propria leadership quando si trattava di correre e dare calci ad un pallone, si è trasformata per magia (o meglio, stregoneria) in una landa desolata. La crisi economica e finanziaria che attraversa in lungo e in largo l’Italia connessa con gli scandali calcistici sempre presenti nel menù del giorno e con una incapacità di evolversi e tenere il passo del resto dell’Europa, (vedi lo stato di arretratezza imperversante in molti dei nostri stadi) ha declassato il nostro Paese, visitato dal Messi o Cristiano Ronaldo di turno solo per trascorrere delle memorabili vacanze estive. Tutti questi fattori condizionano in modo evidente le operazioni di mercato delle nostre società e le tasche dei presidenti, sempre meno disposti ai grandi investimenti e obbligati ad estenuanti riflessioni e a illustri cessioni prima di poter definire un acquisto in ogni sua componente.

Una epocale inversione di rotta che dispiega i suo effetti anche sulle attuali trattative condotte, in orbita Inter, da Branca e Ausilio. Sono lontani anni luce i tempi in cui Moratti aveva la possibilità di regalare ai sognanti tifosi nerazzurri i numeri di Ronaldo (50 miliardi di lire) o i gol di Vieri (90 miliardi), i tackle di Samuel (16 milioni di euro) o il carisma di Crespo (36 milioni).

La realtà attuale denota un atteggiamento tendente alla parsimonia più che allo sperpero e le trattative in corso lo dimostrano. Per Isla la distanza da limare tra i nerazzurri e la Juventus è di un solo milione e basta una simile divergenza a rallentare l’affare; per Nainngolan le difficoltà dimostrate nel raggiungere la cifra richiesta da Cellino hanno riportato in corsa una concorrenza agguerrita; per Paulinho, Lucas o Lavezzi, non è bastato un “pedinamento” asfissiante che ha dovuto cedere il passo ad un più deciso Tottenham e ai petrodollari del Paris Saint-Germain.

Il tutto reso più complicato dalla mancanza di Coppe e proprio dalla presenza ingombrante degli sceicchi, che sanno come ovviare alla mancanza di prestigio dei propri club offrendo contratti fuor da ogni logica. Sono ancora più distanti nel tempo i giorni in cui era più facile promettere a Ibrahimovic un ingaggio da 12 milioni di euro o a Mourinho uno stipendio annuale che vantava soltanto due milioncini in meno del gigante svedese. La musica è cambiata, come quando in radio si passa da un rock adrenalinico ad una stazione di musica leggera.

Sull’altare dei sacrificati tanti campioni che, dopo aver portato l’Inter a guardare dall’alto in basso il resto del “Vecchio Continente” e del mondo, se ne sono andati in punta di piedi per rendere meno “antipatici” i numeri presenti nel già gravoso bilancio nerazzurro.

Uno scenario che non lascia alcuna via di fuga e che porta necessariamente un fervente tifoso interista come Moratti a riflettete sulla cessione di quote, e forse della società, a indonesiani, cinesi o uzbechi qualsiasi che portino con sé una capiente valigetta piena di “verdoni”. Un pensiero dettato e reso più intenso non tanto da interessi personali, quanto invece dall’amore sconfinato verso questa squadra che per lo stesso presidente è “Més que un club” come direbbero in quel di Barcellona.

Sperando, intanto, che in quella valigetta oltre i soldi, siano presenti tanta passione e la ferrea volontà di impegnarsi nella costruzione di un futuro meno incerto.