Confederations Cup 2013: top & flop di Italia-Uruguay e Brasile-Spagna

Italia-Uruguay Confederations Cup 2013
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Italia-Uruguay Confederations Cup 2013Vittoria ai rigori per l’Italia che supera l’Uruguay grazie a un sorprendente Buffon, che si riscatta dopo i sette penalty subiti dalla Spagna in semifinale e consegna la medaglia di bronzo agli azzurri, in vantaggio per due volte grazie alle reti di Astori e Diamanti e raggiunti in entrambe le occasioni da Cavani, che chiude la sua strepitosa stagione con una doppietta.

Top & Flop

ITALIA 

Buffon 7.5: decisivo, forse per la prima volta in carriera, ai calci di rigore.

Gilardino 5: qualche buona sponda ma la stanchezza e il caldo lo rendono sostanzialmente nullo.

URUGUAY

Muslera 5: comico in occasione del gol di Astori.

Cavani 7.5: realizza una doppietta ed è l’unico, insieme a Suarez, a realizzare il calcio di rigore. Ora potrà pensare al suo futuro.

Pagelle

Uruguay (4-3-3): Muslera 5; Caceres 5.5, Lugano 6, M.Pereira 6 (80′ A.Pereira 6), Godin 6.5; Rodriguez 5 (56′ Gonzalez 6), Gargano 5.5, Rios 6 (106′ Perez s.v.); Forlan 5, Suarez 6, Cavani 7.5. All.: Tabarez. 6

Italia (4-3-1-2): Buffon 7.5; Maggio 6, Astori 6 (95′ Bonucci s.v.), Chiellini 6, De Sciglio 6.5; Candreva 5, De Rossi 5 (70′ Aquilani 6), Montolivo 6; Diamanti 7 (83′ Giaccherini 6); El Shaarawy 5.5, Gilardino 5. All.: Prandelli 6.5.

 

Brasile-Spagna Confederations Cup 2013 Fred NeymarTerza Confederations Cup di fila per il Brasile che travolge una Spagna scarica e inconsistente e si riappropria del titolo di favorita per i mondiali del prossimo anno. Decisive le reti di Fred in apertura dei due tempi. Nel mezzo il meraviglioso sinistro di Neymar che, al netto di simulazioni e pagliacciate, si è ampiamente meritato il titolo di miglior giocatore della competizione.

Top & Flop

BRASILE

Scolari 8: ha restituito entusiasmo e consapevolezza a tutto l’ambiente; decisiva la mossa di impostare la squadra con due mediani davanti alla difesa.

Marcelo 5: riesce a dimostrare tutta la sua idiozia anche in una partita dominata con un fallo in area di rigore inspiegabile.

SPAGNA

Iniesta 6.5: anche nella cattiva sorte si conferma giocatore di un altro pianeta.

Arbeloa 4: non ci capisce nulla e resta negli spogliatoi a fine primo tempo.

Pagelle

Brasile (4-2-3-1): J. Cesar 6; D. Alves 6, T. Silva 6.5, D. Luiz 7, Marcelo 5; Paulinho (87′ Hernanes s.v.), L. Gustavo 7; Hulk 6 (72′ Jedson s.v.), Oscar 6, Neymar 7; Fred 7.5 (79′ Jo s.v.). All.: Scolari 8.

Spagna (4-3-3): Casillas 5.5; Arbeloa 4 (46′ Azpilicueta 5.5), Piquè 5, S. Ramos 4.5, J. Alba 5; Xavi 5, Busquets 5, Iniesta 6.5; Pedro 5.5, F. Torres 5 (59′ Villa 5), Mata 4.5 (52′ Navas 5.5) . All.: Del Bosque 5.