Cellino: “Non so perchè sono finito in carcere ma, se non mi avessero arrestato, il Cagliari…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Cellino CagliariTorna a parlare Massimo Cellino, presidente del Cagliari e le sue parole non passano inosservate. Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli il numero uno degli isolani spiega la situazione dello stadio: “Se non fossi stato arrestato, il Cagliari non si sarebbe salvato. Dio non fa mai le cose per caso”.

Parole dure che poi Cellino spiega: “Un ritorno al Sant’Elia? Non lo so nemmeno io, so che stiamo facendo capire a Quartu Sant’Elena che lo stadio è smontabile, così evitiamo di perdere tempo. Con il senno del poi, comunque, è una scelta che rifarei anche perchè non avrei alternativa. Andare a giocare a Trieste è pura utopia, Quartu era disponibile e l’ho fatto con entusiasmo, ho trovato ostacoli ingiusti ma ciò non toglie che lo rifarei”.

“Ho intenzione di rinforzare il Cagliari, non voglio far crescere giocatori e rivenderli. Se trovo lo stadio vorrei divertirmi sperando di fare qualche punto in più, siamo anche noi ambiziosi, nonostante abbiamo pochi soldi. A Quartu Sant’Elena dieci gare a porte aperte, poi me l’hanno chiuse in carcere, le porte. Non so perché l’hanno fatto, ma in ogni caso se non fossi stato arrestato, il Cagliari non si sarebbe salvato. Dio non fa mai le cose per caso”.

 

Fonte: Corriere dello Sport

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook