CALCIOMERCATO/ Kolarov tra Inter e Juve: il futuro del serbo potrebbe dipendere da…

Kolarov
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Kolarov tra Inter e JuveE’ lui l’uomo del mercato nerazzurro, quasi più di Branca e Ausilio. Stiamo parlando di Beppe Bozzo, il vero regista (insieme al dg Fassone, ndr) dell’arrivo di Walter Mazzarri sulla panchina interista, nonchè il mediatore dell’operazione che ha portato Mateo Kovacic a Milano e l’artefice dell’imminente cessione di Antonio Cassano.

Come se non bastasse, il procuratore, ormai vicinissimo al club di Moratti, potrebbe risultare decisivo per un altro affare in casa Inter. Proprio nei giorni scorsi, infatti, è diventato il curatore degli interessi di Aleksandar Kolarov per il mercato italiano. Questo fatto ha portato a credere che potesse esserci un’accelerata per il passaggio del serbo in nerazzurro.

Sull’esterno del Manchester City, però, c’è da registrare anche il pressing della Juventus, che insegue da tempo il giocatore e al momento sembra in vantaggio rispetto all’Inter, concentrata soprattutto sull’out di destra, dove il cileno Mauricio Isla resta in pole.

La situazione sulla corsia mancina, infatti, appare meno drammatica: in quella zona del campo Mazzarri può contare sul contributo di Nagatomo (che ha già dimostrato di poter offrire buone garanzie in quel ruolo) e Alvaro Pereira, reduce da una stagione negativa ma stimato dal tecnico toscano, che potrebbe provare a rilanciarlo.

Per questo non si esclude l’arrivo di un nome meno altisonante, con l’obiettivo di completare la rosa a disposizione del nuovo mister: nei giorni scorsi Branca e Ausilio hanno avviato un discorso con il Genoa per Luca Antonelli e, visto l’interesse di Preziosi per Alvarez e Schelotto, non è detto che non possa nascere l’idea di uno scambio sull’asse Milano-Genova.

Tuttavia, se l’Inter dovesse decidere di fare cassa con Alvaro Pereira (su cui è sempre vivo l’interesse del Tottenham, ndr), il duello con la Juve per Kolarov potrebbe diventare molto più infuocato.