Confederations Cup 2013: top & flop di Brasile-Giappone

Confederations Cup Brasile esultanza contro Giappone
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Confederations Cup Brasile esultanza contro GiapponeNella partita inaugurale della Confederations Cup il Brasile campione in carica e padrone di casa ridimensiona un deludente Giappone, prima qualificata ufficiale ai mondiali dell’anno prossimo, nel segno del 3.

Tre a zero per gli uomini di Scolari che aprono le marcature al terzo con Neymar; raddoppiano al minuto tre del secondo tempo con Paulinho e chiudono i conti al terzo minuto di recupero con Jo.

Top & Flop

BRASILE

Neymar 7.5: Imprendibile e pavoneggiante. Delizia la platea di Brasilia con dribbling, colpi di tacco e doppi passi. Tanto fumo ma anche tanto arrosto per il neo acquisto del Barça che conferma il suo status di calciatore-rockstar.

Fred 5: Squarci di Serginho (il centravanti della Seleçao ai Mondiali di Spagna ’82, ndr). Palesemente non altezza della batteria di trequartisti che lo supporta, è lo specchio della lacuna verdeoro nel ruolo di centravanti.

GIAPPONE

Hasebe 6: Corre, contrasta, picchia, barcolla, ma non molla. L’ultimo Samurai.

Kagawa 4: Irriconoscibile e costantemente fuori dal gioco, con l’aggravante di essere la stella della squadra.

Pagelle

Brasile (4-2-3-1): Julio Cesar 6, Dani Alves 6.5, Thiago Silva 6.5, David Luiz 6, Marcelo 6; Luiz Gustavo 7, Paulinho 7; Hulk 6 (75′ Hernanes 6), Oscar 6, Neymar 7.5 (74′ Lucas 6); Fred 5 (81′ Jo 6.5). All. Scolari 7

Giappone (4-2-3-1): Kawashima 5.5; Uchida 5, Konno 5, Yoshida 5, Nagatomo 5.5; Endo 5.5 (77′ Hosogai s.v.), Hasebe 6; Kiyotake 5 (51′ Maeda 5.5), Honda 5 (88′ Inui s.v.), Kagawa 4; Okazaki 4.5. All. Zaccheroni 5