Fernando obiettivo primario per il centrocampo dell'Inter di domani

CALCIOMERCATO/ Inter, Fernando obiettivo primario per il centrocampo


Fernando obiettivo primarioUn’altra stagione da dimenticare per l’Inter, arrivata all’ultimo atto del campionato con tutti gli obiettivi ormai svaniti. Resta in gioco solo l’ottavo posto, che eviterebbe ai nerazzurri l’inizio anticipato della prossima stagione non disputando i due turni supplementari di Coppa Italia.

L’annata del rilancio si è trasformata, per i tanti intoppi che ci sono stati, in un amaro capitolo; la speranza di voltare pagina, a partire dalla prossima stagione, è legata alle vicende di mercato. La dirigenza interista, infatti, è già da un bel po’ di tempo all’opera per costruire una squadra capace di poter tornare finalmente a lottare per grandi obiettivi e lo staff di Corso Vittorio Emanuele sembra essere pronto a regalare a Stramaccioni gli uomini adatti al modulo che maggiormente predilige, ossia il 4-3-3.

Il reparto che sembra aver già una fisionomia ben delineata è il centrocampo che, con Fredy Guarin e Mateo Kovacic, ha trovato due interpreti di altissimo livello; servirà, dunque, trovare il terzo elemento che componga una mediana tutta quantità e qualità.

Il nome riemerso in questi giorni è quello di Fernando, centrocampista in forza al Porto, ormai da diversi anni accostato all’Inter; questa, però, potrebbe essere proprio la volta giusta: a rendere la trattativa con i Dragoes più semplice c’è di mezzo il contratto del brasiliano, in scadenza nel 2014 e che difficilmente verrà rinnovato.

Il “Polpo”, così soprannominato per la grande quantità di palloni che riesce a recuperare, rappresenta l’obiettivo numero uno per Branca e Ausilio, convinti che il suo acquisto possa essere maggiormente utile all’Inter rispetto a Nainggolan e Paulinho (anch’essi rincorsi da diverso tempo), giocatori adatti più al ruolo di interni in una mediana a tre e sicuramente dal prezzo più elevato.

Il 25enne carioca, invece, sarebbe perfetto come schermo davanti alla difesa (così da svincolare da questo delicato compito il baby prodigio Kovacic) e rientrerebbe perfettamente, a livello economico, nella linea societaria che l’Inter ha intrapreso da un paio di anni a questa parte. Poco meno di 10 milioni di euro per il cartellino e una cifra vicina ai 3 milioni per l’ingaggio: questa è la somma che potrebbe convincere sia il giocatore che il presidente lusitano Da Costa a rendere il tutto immediatamente realizzabile.

L’Inter formerebbe così un terzetto niente male con Guarin e Fernando (insieme già nel Porto vittorioso in Europa League nel 2010/2011) affiancati dal talento cristallino di Kovacic; tutti gli indizi portano al “Polpo”, anche se non sono da escludere colpi a sorpresa da parte della dirigenza nerazzurra, spesso abituata a lavorare a fari spenti.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl