Radovanovic: "Per persone come Livaja non c'è posto nel calcio. Mi ha colpito e mentre sanguinavo..."

Radovanovic: “Per persone come Livaja non c’è posto nel calcio. Mi ha colpito e mentre sanguinavo…”


Marko Livaja AtalantaMarko Livaja è stato multato dall’Atalanta, a causa di un brutto gesto nei confronti del compagno Ivan Radovanovic nel corso dell’allenamento di martedì 7 maggio. L’attaccante croato, rimastro fuori già in un’altra occasione dalla lista dei convocati di Stefano Colantuono, sempre per motivi disciplinari, sembra destinato a tornare all’Inter, club co-proprietario del cartellino del giocatore, al termine della stagione, nonostante le scuse, riportate da Bergamo TV, nella giornata di ieri alla società bergamasca. Ieri sono arrivate anche le parole di Radovanovic su quanto è successo.

Queste le sue dichiarazioni a Sportske: “Non so cosa gli sia successo. Davvero non importa se si tratta di un serbo, un croato o una terza nazionalità. L’ho accettato come un parente stretto, siamo venuti insieme all’allenamento in auto, anche se io vivo in una zona completamente diversa. Ho parlato con lui consigliandolo di calmare il suo temperamento e dicendogli di tradurre tutto questo in energia positiva e concentrarsi sul campo”.

Sull’accaduto: “Dopo un contrasto, lui mi ha colpito in faccia. Quando ho cercato di fare un passo indietro e allontanarmi, il suo pugno mi ha colpito alla mascella. Non riuscivo a crederci quando l’ho visto ridere di me, che col volto insanguinato andavo in infermeria. Davvero sono rimasto deluso. Per persone così non c’è posto nel calcio”.

Fonte: calciomercato.com

Copyright © 2015 Cierre Media Srl