Orgoglio nerazzurro, ma c'è troppo Cavani per l'Inter

L’orgoglio nerazzurro non ferma Cavani. Il San Paolo rimane tabù

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Napoli Inter rigore AlvarezEra tutto più che preventivabile: un Cavani implacabile sotto porta stende l’Inter e riduce al lumicino ogni possibile ambizione di Europa League della banda di Stramaccioni. Stasera, nonostante il K.O., il rammarico è poco, vista la disparità di valori in campo, apparsa evidente nonostante un encomiabile impegno e il proverbiale orgoglio nerazzurro messo in mostra. Il posticipo del San Paolo si conclude con il trionfo, meritato, del popolo partenopeo, ma lascia a quello della Milano interista diversi spunti positivi e una voglia di lottare che fa ben sperare per la prossima stagione.

Davanti a una sorta di “mission impossible”, ossia sfatare uno stadio che in campionato è tabù per l’Inter da 16 anni (l’ultima vittoria in Campania è datata 1997 grazie al gol di Galante e all’autorete di Turrini), Strama sceglie l’unico undici possibile, visto lo “sterminio” di uomini, varando la linea verde in mediana con Kovacic, Kuzmanovic e Benassi, mentre il duo d’attacco è composto da un trequartista, Alvarez e un centrocampista con spiccate capacità d’inserimento, Guarìn: di un attaccante neanche l’ombra, visto che Rocchi non è al top e Milito, Cassano e Palacio sono out.

Le premesse per una trasferta così impegnativa non sono favorevoli e a complicare le cose ci si mette un errato movimento della difesa che, dopo 2 minuti di gioco, si fa trovare impreparata su un filtrante di Pandev che consente a Cavani di battere Handanovic.

L’Inter ha il merito di reagire, mostrando cuore, determinazione e unità d’intenti, spinta dalla personalità di Kovacic, dalla voglia di fare di Guarìn e dal palleggio di Alvarez; un contatto in area di Zuniga con lo stesso Ricky Maravilla induce Giannoccaro a fischiare la massima punizione per l’Inter, facendo improvvisamente ricordare al popolo interista cosa si prova ad avere un rigore a favore. Il numero 11 nerazzurro batte De Sanctis riequilibrando il match.

Il Napoli preme sull’acceleratore e beneficia a sua volta di un penalty per un fallo di Jonathan sullo stesso Zuniga, abile a farsi perdonare l’ingenuità precedente: dagli undici metri Handanovic non riesce a ipnotizzare Cavani come avvene nella passata stagione con la maglia dell’Udinese, consentendo al biancazzurri di tornare in vantaggio.

La ripresa è una lenta, ma progressiva diminuizione della verve interista, con i padroni di casa abili a contenere le sempre più rare sortite offensive di Cambiasso e compagni, gestendo accuratamente il pallone e realizzando il terzo gol con il solito Cavani, autore di un hat trick, a una decina di minuti dal novantesimo.

L’Inter finisce al tappeto e il finale di match è totalmente pleonastico; nonostante il K.O., però, ha favorevolmente impressionato la voglia di fare e la coesione mostrata da chi è sceso in campo, seppur fuori ruolo: un chiaro segnale che la squadra è con l’allenatore e che, con gli innesti giusti e un po’ più di buona sorte, il progetto può continuare anche nella prossima stagione.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy