Mbaye: "Ho imparato tanto da Strama, sono fortunato a essere qui. Il mio agente mi dice sempre..."

Mbaye: “Ho imparato tanto da Strama, sono fortunato a essere qui. Il mio agente mi dice sempre…”


Mbaye InterPurtroppo la maledizione degli infortuni ha colpito anche lui: Ibrahima Mbaye, nel derby di sabato scorso contro il Milan, ha riportato una lesione di secondo grado al legamento collaterale del ginocchio destro che lo costringerà a concludere la stagione in anticipo e gli impedirà di dare una mano ai suoi compagni nella volata verso le Final Eight. Il 18enne senegalese, pilastro tuttofare della Primavera di Bernazzani, si è raccontato ai microfoni di Nagaja Beccalossi durante il programma “Drive Inter”, in onda su Inter Channel.

Il giovane difensore parte dal suo approdo in Italia e dalle difficoltà che ha incontrato nel passaggio dalla piccola Guédiawaye, città africana dove è cresciuto, alla grande realtà di Milano: “Il cambiamento di cultura è stato radicale rispetto al Senegal. Di quella cultura però mi mancano poche cose, piuttosto mi manca la famiglia. Da quando sono arrivato in Italia non sono più tornato”.

Si passa poi a parlare della suo sogno di diventare un calciatore professionista e del perché abbia deciso di intraprendere questo percorso: In Africa si comincia a giocare non appena cammini, a piedi nudi per strada. Poi crescendo ho scelto il calcio preferendolo alla scuola, mia madre si arrabbiò ma il calcio mi piaceva troppo e oggi sono qui. Se c’era qualcuno più bravo di me? Non dico mai di essere il più forte, e anche se mi rendo conto non lo dico (sorride, ndr). Credo di essere stato molto fortunato a venire qui.

Non si ispira a un modello in particolare Mbaye, anche perchè nella sua breve carriera ha già dovuto ricoprire diversi ruoli: “Ho deciso di prendere qualcosa da ogni giocatore. A me piace cambiare ruolo, sono giovane, ho tempo di imparare. All’Inter agli inizi giocavo da centrocampista, poi ho giocato in difesa durante una partita del Torneo di Arco perchè un difensore si era fatto male”.

Impossibile poi non parlare di Stramaccioni, il tecnico che lo ha fatto esordire nel ‘calcio dei grandi’: “E’ stato importante per me e per gli altri, vista la vittoria in NextGen Series. Ho imparato tanto da lui, anche dal punto di vista umano. E’ sereno, mi ricordo la finale di Londra, eravamo tutti tesi e per rasserenarci ha fatto una battuta che ci ha fatto ridere. E’ una persona molto generosa.

Esordio che gli ha dato la possibilità di vivere il primo impatto con San Siro: “E’ lo stadio più bello dove sono stato. Sono andato la prima volta per Inter-Barcellona di Champions League, poi ho fatto il raccattapalle. E’ una bella sensazione essere in campo vicino a certi campioni, è sempre stato il mio sogno. Adesso gioco addirittura con loro, e sono molto felice”.

Chiosa finale sui suoi sogni nel cassetto: “Ne ho tanti, però mia madre mi tiene sempre coi piedi per terra, come il mio procuratore. Non me la tiro, cerco di vivere tranquillo. Mia madre mi ha sempre detto di restare me stesso e portare rispetto verso tutti, dalle persone più importanti come il direttore, ai compagni”.

ULTIME NOTIZIE

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl